assicurazione sanitaria usa covid

Quali assicurazioni viaggio coprono il Covid-19? A quali condizioni?

Luglio 15, 2022 /

Le compagnie che stipulano assicurazioni viaggio USA e non solo, dopo l’arrivo della pandemia, si sono gradualmente adeguate alla nuova emergenza sanitaria, pubblicando prima linee guida specifiche e poi includendo anche epidemie o malattie pandemiche diagnosticate come il Covid-19 nelle loro polizze viaggio. Lo scopo di questo articolo è quello di capire quali compagnie coprono dal Coronavirus e a quali condizioni.

Prima di entrare nel dettaglio occorre però fare una premessa importante. Riporto qui le condizioni delle polizze per come si presentano al momento della stesura dell’articolo stesso, ciò non significa che nel tempo non potranno cambiare, diventando più inclusive, restrittive o adottando nuove opzioni. Per questa ragione vi consiglio di verificare sempre i fogli informativi delle compagnie stesse (più avanti nell’articolo ho inserito tutti i link alla documentazione, in modo che possiate consultarli facilmente).

Assicurazione viaggio Covid: è obbligatoria?

In alcuni paesi, avere un’assicurazione che includa il Coronavirus fra le proprie coperture è obbligatorio. Allo stato attuale gli Stati Uniti non sono fra questi Paesi, anche se, come abbiamo già spiegato più volte, fare un’assicurazione per un viaggio negli USA, pur non essendo obbligatorio, è caldamente consigliato, e visto che le polizze viaggio disponibili, come vedremo, coprono anche il Covid, il problema in molti casi non si porrà neppure.

Per la lista aggiornata dei Paesi che richiedono l’obbligo di copertura Covid rimando al sito della Farnesina.

Lista delle assicurazioni viaggio che includono il Covid

assicurazione sanitaria viaggio usa covid

Vediamo adesso come le principali compagnie assicurative coprono le problematiche legate al Coronavirus per viaggi negli Stati Uniti e in altri paesi. Delle compagnie qui elencate ho già parlato in un approfondimento dedicato, per saperne di più potete leggere la mia guida sull’Assicurazione sanitaria per un viaggio in USA.

Columbus Assicurazioni

Columbus copre il Coronavirus per quanto riguarda spese e assistenza medica, il rimpatrio, la cancellazione e l’interruzione del viaggio, a patto che, al momento della partenza, la destinazione non sia sconsigliata dalla Farnesina.

La compagnia ci tiene tuttavia a specificare come, per quanto riguarda l’annullamento, sussistano casi specifici che non danno diritto al risarcimento. Eccone di seguito alcuni:

  • se doveste decidere di non partire per paura di contrarre il virus, anche basandovi su raccomandazioni governative o dell’OMS.
  • se vi fosse impedito di viaggiare da un provvedimento emanato da un governo.
  • se voi o un membro della vostra famiglia aveste ricevuto l’avviso di auto-isolarvi.
  • se, prima di aver acquistato la polizza, siete risultati positivi al Covid (o attendete il risultato del test) e al tempo stesso dovete partire entro 14 giorni.

Per poter ottenere la cancellazione o l’interruzione del viaggio dovrete fornire prova in forma scritta del test di positività al virus, riscontrato entro i 14 giorni precedenti alla data di partenza.

Se vi doveste trovare impossibilitati a rientrare in Italia entro le date prestabilite dalla polizza a causa di provvedimenti governativi, la compagnia potrà valutare in base al vostro caso di estendere o meno la copertura. Se doveste trovarvi in una situazione spiacevole, vi ricordo che c’è un modo per assicurarsi anche dopo la partenza.

Il costo dei tamponi è incluso?

La polizza offre copertura per esami e test di controllo durante il viaggio solo a seguito di un infortunio o un contagio di una malattia inclusa in copertura (quindi anche il covid-19). Tuttavia dovrà essere sempre contattata dapprima la Centrale Operativa che provvederà ad organizzare il tutto indicando a quale ospedale rivolgersi.

I costi del tampone o test per il Coronavirus imposti da governi, autorità aeroportuali e compagnie aeree non sono coperti.

Copertura spese dovute a quarantena: prolungamento viaggio, vitto e alloggio

Nel caso in cui l’assicurato risulti positivo con successiva necessità di isolamento all’arrivo nel paese di destinazione o durante il viaggio, la polizza non offrirà purtroppo copertura per le spese di soggiorno in strutture apposite (ad esempio covid hotel). Tuttavia, in caso di necessità di prolungamento del soggiorno, in cui l’assicurato dovesse contrarre il covid-19 e sia costretto a trattenersi nel paese di destinazione oltre la data di scadenza della polizza, la stessa prevede un servizio di assistenza denominato “A.8 – Presa in carico delle spese di prolungamento del soggiorno dell’Assicurato” che prevede un massimo rimborsabile di € 75.00 al giorno (solo pernottamento) fino ad un massimale complessivo di € 750.00 per i viaggi all’estero (i massimali si intendono a persona).

La polizza inoltre, con l’approvazione della Centrale Operativa di emergenza medica, prevede anche la copertura delle spese per la modifica del nuovo biglietto aereo di rientro. La copertura delle spese è relativa alla persona positiva al Covid. Solo in casi particolari vengono coperte le spese dell’accompagnatore, ad esempio nel caso la persona positiva sia disabile, sia un minore o sia gravemente impossibilitata a rimanere da sola. In questi casi particolari occorre comunque chiamare immediatamente il centro operativo della compagnia per trovare una soluzione.

Viaggi Sicuri Assicurazione

Anche Viaggi Sicuri ha incluso in tutti i suoi pacchetti assicurativi l’infezione da Coronavirus, che viene coperta nei casi di assistenza sanitaria, spese mediche, interruzione e annullamento del viaggio. Come nel caso precedente, la copertura annullamento non è riconosciuta in caso di chiusura delle frontiere, anche se Viaggi Sicuri permette in questi casi di congelare le polizze già acquistate per un altro viaggio futuro, purché avvenga entro il 2021.

Da notare come sia stata aggiunta una clausola COVID-19 alla voce “Aggravamento del rischio”, secondo il quale, in base all’articolo 1898 del Codice Civile, l’assicurato è tenuto ad avvisare la compagnia di qualsiasi variazione intercorsa dopo la stipula della polizza. Fra questi aggravamenti del rischio rientrano ora anche divieti o interdizioni ai viaggi emessi dalle autorità competenti, o anche divieti alla permanenza nel luogo di destinazione.

In questi casi l’assicurato è tenuto non solo a informare la compagnia ma anche ad adoperarsi per lasciare la destinazione entro 14 giorni dall’evento che ha prodotto l’aggravarsi del rischio. Oltre tale limite non verrà più riconosciuta copertura assicurativa.

Il costo dei tamponi è incluso?

Il rimborso del costo di un eventuale tampone per covid-19 durante il soggiorno è previsto solo nel caso in cui l’Assicurato decidesse di effettuare un tampone perché presenta dei sintomi. il costo del tampone richiesto dalla Compagnia Aerea (o dall’autorità competente) per il rientro in Italia non è incluso nella polizza.

Copertura spese dovute a quarantena: prolungamento viaggio, vitto e alloggio

In caso di positività l’assicurazione copre il prolungamento del soggiorno, ovvero il rimborso del costo aggiuntivo per il soggiorno, qualora l’assicurato non possa rientrare in Italia con il volo originariamente prenotato. La Società provvederà al rimborso in favore dell’Assicurato e dei suoi familiari (ovvero coniuge/convivente e/o figli, purché assicurati) oppure di un Compagno di Viaggio assicurato sul medesimo certificato, per le seguenti spese:

  • Spese di alloggio* (albergo o locazione): sono coperte fino ad € 80 a notte (max. € 1.000) per assicurato.
  • Spese di alloggio* per un compagno di viaggio purche sia assicurato fino ad € 80 a notte (max. € 1.000).
  • Biglietto di rientro da Italia/Europa: fino ad € 500 per assicurato.
  • Biglietto di rientro dal resto del mondo: fino ad € 1000 per assicurato.

* Il costo per l’alloggio ha un massimale complessivo per evento di € 2000.

La garanzia non prevede copertura per il vitto.

Axa

Axa ha incluso il Covid-19 fra i sinistri rimborsabili nelle sue polizze (Protezione base, media e schermo totale) a condizione però che l’assicurato abbia rispettato le raccomandazioni dell’OMS o di un medico.

Sono dunque coperte le spese sanitarie d’urgenza, l’assistenza medica in viaggio e il bagaglio; è possibile anche aggiungere  l’opzione annullamento viaggio, che può essere utilizzata anche per il Coronavirus a condizione che non viaggiate in una località sconsigliata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre alle esclusioni standard della polizza.

Il costo dei tamponi è incluso?

Il tampone è coperto solo se richiesto da un medico e non fatto in maniera preventiva.

Copertura spese dovute a quarantena: prolungamento viaggio, vitto e alloggio

In caso ci si dovesse trovare in quarantena il giorno di rientro in Italia, a fronte di un documento ufficiale che lo provi, il prolungamento del viaggio sarebbe protetto per 5 giorni, includendo le spese per vitto, alloggio e nuovo biglietto aereo per € 100 al giorno (per cui un massimale di € 500,00). Sarebbero protetti tutti gli assicurati in polizza, con documento che provi di essere stato messo in quarantena.

Coverwise Assicurazione

La compagnia copre il Covid-19 per le spese mediche, l’annullamento e l’interruzione del viaggio. Per ottenere rimborso dovrete allegare alla denuncia un certificato medico, il risultato di un tampone per COVID-19, e la prova eventuale della necessità di isolamento fiduciario.

Le garanzie legate al Covid-19 non vengono riconosciute in caso siano in vigore divieti da parte della Farnesina, tuttavia la copertura assicurativa continuerà a operare normalmente per gli altri tipi di sinistri non correlati alla pandemia.

Il costo dei tamponi è incluso?

Il costo del tampone è rimborsato solo in caso di sintomi o contatto con qualche positivo; naturalmente deve essere un medico a prescrivere il tampone.

Copertura spese dovute a quarantena: prolungamento viaggio, vitto e alloggio

La polizza rimborsa un massimale di 100 euro al giorno per assicurato per 5 giorni, in caso di positivo al covid o sospetto positivo; basta che il tutto sia accompagnato da documentazione medica come giustificante della quarantena.

TravelEasy

Tutte le polizze di TravelEasy coprono le spese mediche per il Coronavirus a patto che si venga contagiati per la prima volta durante il viaggio, e l’annullamento, com’è ovvio, viene riconosciuto solo se l’infezione avviene dopo la sottoscrizione della polizza assicurativa.

Come per altre compagnie, non è riconosciuto l’annullamento in caso, a causa del Covid-19, i governi dovessero porre in essere restrizioni d’ingresso, uscita o di mobilità interna al paese di destinazione o partenza.

Il costo dei tamponi è incluso?

Il rimborso del costo del tampone non è previsto.

Copertura spese dovute a quarantena: prolungamento viaggio, vitto e alloggio

In caso di positività al COVID-19, l’organizzazione e la presa in carico delle spese di prolungamento del soggiorno (sistemazione in camera e prima colazione) saranno coperte dalla garanzia “Prolungamento soggiorno”, entro il limite di euro 120,00 al giorno e per un massimo di 6 giorni dopo la data prevista di rientro. In caso di positività al COVID-19, seguita da convalescenza dell’Assicurato, la garanzia “Rientro dell’assicurato convalescente” prevede l’organizzazione e presa in carico delle spese di rientro dell’Assicurato convalescente con il mezzo ritenuto più idoneo dalla Struttura Organizzativa, qualora il suo stato di salute gli abbia impedito di rientrare a casa con il mezzo inizialmente previsto. È anche compreso il rimborso delle spese supplementari di soggiorno, entro il limite di Euro 60,00 al giorno e per un massimo di 10 giorni, sostenute dopo la data prevista di rientro, se rese necessarie dallo stato di salute dell’Assicurato. La positività asintomatica al COVID-19 per la quale non sono necessarie cure mediche non prevede l’attivazione della garanzia “Rientro dell’Assicurato convalescente”. L’attivazione delle suddette garanzie e dei massimali sono per l’Assicurato convalescente, non per il compagno di viaggio.

Frontier

Anche le polizze erogate da Frontier coprono le spese mediche in caso di Covid-19 a patto che si viaggi in destinazioni non sconsigliate dalla Farnesina.

Frontier raccomanda di contattare immediatamente la centrale emergenze se si sospetta di essere contagiati e di richiedere alla compagnia per email, prima di partire, la traduzione in inglese del certificato di polizza che attesti la copertura per il Covid (occorrono 48 ore per ottenerla).

La polizza Frontier TOP copre anche l’annullamento viaggio; in tal caso dovrete farvi rilasciare una copia scritta della diagnosi medica, annullare il viaggio il giorno stesso e aprire la richiesta di risarcimento entro 10 giorni.

Come nel caso delle altre compagnie, l’annullamento non è coperto in caso di blocco delle frontiere o in caso di timori sia di contagio sia di provvedimenti restrittivi.

Allianz Travel Care

Con il prodotto Travel Care, che include le coperture di assistenza sanitaria e spesa medica, Allianz ha di fatto esteso tutte le caratteristiche della propria assicurazione viaggio anche al Covid-19, senza particolari distinguo.

La Travel Care non include però l’opzione annullamento o interruzione del viaggio, quindi tale possibilità non è percorribile neppure per cause di Coronavirus.

Oltre all’assistenza medica, Travel Care fornisce un rimborso per le spese di prolungamento del soggiorno a causa di malattia (Covid compreso). Le spese di pernottamento in albergo vengono rimborsate per una cifra massima di 150 euro a notte entro un limite di 3 notti.

In caso di Covid, o altre epidemie o malattie pandemiche, il pagamento delle spese mediche è erogato in modo diretto entro massimali di 300000 euro, validi per USA e Canada (per l’Italia 10000 euro, per Europa, Russia e resto del mondo 200000 euro).

Cosa fare in caso di chiusura di frontiere?

assicurazione sanitaria coronavirus

Come abbiamo visto tutte le compagnie assicurative coprono le spese mediche derivanti da infezione da Covid-19, e (a eccezione di Allianz) anche l’annullamento viaggio, ma non vi riconosceranno un risarcimento se l’annullamento dipende da provvedimenti governativi o dal vostro timore di contrarre il virus.

Ma cosa fare se ci si trova di fronte a una chiusura delle frontiere che obblighi all’annullamento del viaggio? In queste circostanze, potete cercare di ottenere un rimborso o la possibilità di riprogrammare il viaggio, contattando l’operatore turistico. Ovviamente tutto dipende dalle condizioni dell’erogatore del servizio. La raccomandazione è comunque sempre quella di tenere d’occhio il sito della Farnesina.

Cosa sapere prima di prenotare una polizza

Prima di acquistare una polizza vi consiglio di leggere la nostra guida all’assicurazione sanitaria USA, dove approfondiamo in modo più dettagliato i pacchetti assicurativi qui descritti, cerchiamo di rispondere ai quesiti più comuni sull’argomento e segnaliamo sconti e promozioni per risparmiare sull’acquisto.

Leggi la nostra guida sull’Assicurazione Sanitaria USA


Un Consiglio Importante:
Ricordati l’assicurazione sanitaria, non farla potrebbe rovinarti la vacanza in USA! Se non sai come orientarti nella scelta puoi leggere la nostra guida: Assicurazione USA: come scegliere la polizza migliore?

AVVISO COVID: Gli Stati Uniti hanno riaperto al turismo l'8 dicembre 2021. Per saperne di più sui requisiti di accesso visitate la nostra pagina su come viaggiare in America dopo la riapertura delle frontiere.


lorenzo puliti
lorenzo puliti

Affascinato dagli States fin da piccolo ho poi scoperto che c’era molto altro da scoprire… e da lì non ho più smesso

Leggi prima di lasciare un commento
I commenti inviati vengono posti in fase di moderazione, quindi non preoccuparti se il tuo commento non viene pubblicato subito. Cerchiamo di rispondere a tutti entro il giorno lavorativo successivo a quello in cui viene inviato il commento (non il sabato e la domenica), compatibilmente con il tempo a disposizione e il numero di commenti, spesso molto elevato. Prima di scrivere un commento ti consigliamo di leggere queste brevi linee guida, per capire qual è il tipo di aiuto che possiamo darti e in quale forma. Per pubblicare un commento scorri in basso.

AMERICAN DREAM ROUTES