norris-geyser-basin

Norris Geyser Basin: il bacino in continuo movimento di Yellowstone

Marzo 16, 2022 /

Attenzione: attualmente ci sono dei problemi di viabilità nel parco di Yellowstone a causa di inondazioni. Se intendete visitare Yellowstone in questi giorni vi consigliamo di leggere il nostro approfondimento.

È difficile immaginare uno scenario più variabile e soggetto a cambiamenti di Norris Geyser Basin, un’area idrotermale fra le più calde di Yellowstone con un panorama in costante trasformazione. Qui i movimenti delle acque e l’attività sismica alterano il paesaggio in maniera visibile, tanto che ogni anno nascono nuove sorgenti termali e geyser, mentre altri diventano dormienti. Questo continuo movimento tellurico concorre alla formazione di uno dei paesaggi più spettacolari di Yellowstone che, a mio modesto avviso, non ha poi così tanto da invidiare al più famoso Upper Geyser Basin.

Il Norris Geyser Basin si divide a sua volta in 2 bacini: il Porcelain Basin, più piccolo ma anche più affascinante, e il Back Basin, che ospita il geyser attivo dal getto più alto al mondo (Steamboat Geyser). Purtroppo in quest’area l’eruzione dei geyser non è prevedibile, quindi se volete godervi un’eruzione dal vivo dovrete avere un po’ di fortuna oppure ripiegare sulla zona di Old Faithful.

Dove si trova e come arrivare

norris-geyser-basin-dove-si-trovaIl bacino di Norris è quello più a nord rispetto a tutti gli altri bacini idrotermali della zona dei geyser; è il primo che incontrerete se venite da West Yellowstone e, per la sua posizione, spesso è una buona idea visitarlo nello stesso giorno in cui si visita Mammoth Hot Springs. Di seguito il dettaglio sulle distanze dai singoli ingressi:

  • West Entrance (West Yellowstone): 45 km
  • North Entrance (Gardner): 42 km
  • South Entrance (Grand Teton): 110 km
  • North-East Entrance (Cooke City): 64 km
  • East Entrance (Cody): 65 km circa. Da Cody 100 km circa

Come sempre a Yellowstone, i tempi di percorrenza sono da considerare in linea di massima (se ancora non lo avete fatto leggete le mie indicazioni su come muoversi a Yellowstone). L’ingresso migliore è quello di West Yellowstone, buona base per visitare anche le altre attrazioni principali del parco (ecco in proposito il mio itinerario di Yellowstone giorno per giorno).

Nell’area del Norris Geyser trovate anche un piccolo museo, una libreria, 2 bagni e aree parcheggio sia per macchine che per camper.

Quando andare?

norris-geyser-basin-quando-andarePer visitare Norris Geyser Basin vi ricordo innanzitutto di tenere presente le nostre indicazioni su quando andare a Yellowstone, inoltre è bene considerare altri 2 aspetti:

  • vi sono molte parti di sentiero esposte al sole e il caldo nelle ore di punta si fa sentire. Meglio quindi arrivare al mattino o la sera.
  • il numero di turisti che visitano quest’attrazione non è paragonabile a quello di Old Faithful, tuttavia il bacino è molto visitato e potreste metterci un po’ per trovare parcheggio. Come nel caso dell’Upper Geyser Basin e di altre attrazioni particolarmente gettonate, la cosa migliore è arrivare la mattina presto, al tempo stesso però è anche vero che non si possono visitare tutti i luoghi di interesse di Yellowstone al mattino, alla fine vi troverete a fare una selezione e non è detto che possiate permettervi di visitare il bacino di Norris come prima attrazione giornaliera. In questo caso mettetevi il cuore in pace: molto meglio secondo me beccarsi un po’ di traffico qui che a Old Faithful o ad Artist Point.

In quanto tempo si visita?

porcelain-basinPer una visita completa di tutti e 2 i bacini mettete in conto 2 ore, tuttavia, saltando le parti meno interessanti, potete cavarvela anche in poco più di un’ora (vedete la parte successiva relativa al percorso consigliato). Il museo e la libreria che trovate nei pressi dell’ingresso sono piuttosto piccoli e non vi ruberanno molto tempo.

Su tutto il percorso sono predisposte le immancabili passerelle in legno che vi permetteranno di esplorare il bacino senza troppa fatica.

Cosa vedere

Le cose da vedere sono le stesse di qualsiasi altra area geotermale di Yellowstone: geyser, fumarole, sorgenti termali, solfatare e fanghi bollenti. Al museo potete ritirare la cartina che vedete qui sotto al costo di 1 dollaro e usarla come punto di riferimento per la visita. Ecco il percorso che vi consiglio di seguire per non perdervi il meglio:

mappa-norris-geyser-basin
Cartina

Percorso consigliato

Arrivati al museo dirigetevi verso il Porcelain Basin; dalla collina avrete subito un bel colpo d’occhio di ciò che vi aspetta (se vi state chiedendo dov’è il Porcelain Basin Overlook ci siete sopra). Invece di seguire il percorso battuto dalla maggioranza dei turisti che scendono subito in direzione delle fumarole in basso, vi consiglio di girare invece subito a destra, passare Congress Pool, e andare a godervi quello che a mio avviso è il vero fiore all’occhiello di questo bacino (e che molti si perdono): Porcelain Springs.

Ciò che vi aspetta è un’incredibile distesa multicolore di geyser e sorgenti termali, l’impressione è quella di trovarsi di fronte a un’immensa tavolozza di un pittore che, fra l’altro, potrete godervi in relativa pace e tranquillità perché molti turisti saltano questa meta a piè pari.

Proseguite poi il sentiero che scende a valle per compiere l’itinerario circolare del Porcelain Basin scattando qualche foto al Ledge Geyser e al panorama circostante.

ledge-geyser

Tornate verso il museo, attraversatelo e girate a destra al bivio. In questa parte più verdeggiante vi attende una delle più belle sorgente termali del bacino, Emerald Spring (il nome rende bene l’idea di ciò che vi aspetta). Proseguendo incontrerete lo Steamboat Geyser, ma, almeno che non siate veramente fortunati, potrete solo immaginare il suo imponente getto.

Continuando a scendere noterete Cistern Spring, una sorgente termale circondata da alberi spogli che sarete tentati di fotografare da tutte le angolazioni possibili. A questo punto dovrete scegliere se girare a destra o a sinistra; vi consiglio la seconda scelta, in modo da godere di una bella vista su Echinus Geyser, che colpisce per la sua ampiezza e il colore rossastro.

A questo punto potete decidere di tornare indietro perché a mio avviso le cose migliori del bacino le avete visitate. Per la strada del ritorno però consiglio di fare un’altra strada rispetto a quella dell’andata: tornate a Cistern Spring proseguite dritto e girate a destra poco dopo il Corporal Geyser. Così facendo avrete modo di vedere qualche altro punto di interesse (Veteran Geyser, Palpitator Spring, Fearless Geyser, Monarch Geyser Crater, Minute Geyser) e soprattutto potete risalire la valle facendo un sentiero un po’ più ombreggiato.

green dragon spring
Green Dragon Spring

Se invece volete vedervi il resto del Back Basin vi basterà proseguire all’altezza dell’Echinus Geyser e seguire il loop. Il panorama che vi aspetta in quest’area più remota è piuttosto arido con numerosi alberi bruciati e un suolo spoglio che concorrono a creare uno scenario quasi apocalittico. La zona a mio avviso ha un certo interesse e anche se i geyser e le sorgenti termali che incontrerete sono meno interessanti di quelli incontrati finora, il Green Dragon Spring merita comunque una piccola sosta.

Dove dormire

Porcelain Basin Overlook
Porcelain Basin Overlook

Come detto, la zona migliore dove dormire fuori dal parco per visitare Norris Geyser Basin è quella della cittadina di West Yellowstone, in corrispondenza della West Entrance. Ecco i nostri consigli per dormire a West Yellowstone.

Se invece preferite dormire all’interno del parco le zone migliori sono le seguenti:

Per una panoramica di tutte le possibilità per alloggiare sia all’interno che all’esterno del parco vi rimando alla lettura completa del nostro articolo, linkato qui sotto:

Dove dormire a Yellowstone


Un Consiglio Importante:
Ricordati l’assicurazione sanitaria, non farla potrebbe rovinarti la vacanza in USA! Se non sai come orientarti nella scelta puoi leggere la nostra guida: Assicurazione USA: come scegliere la polizza migliore?

AVVISO COVID: Gli Stati Uniti hanno riaperto al turismo l'8 dicembre 2021. Per saperne di più sui requisiti di accesso visitate la nostra pagina su come viaggiare in America dopo la riapertura delle frontiere.


lorenzo puliti

Affascinato dagli States fin da piccolo ho poi scoperto che c’era molto altro da scoprire… e da lì non ho più smesso

Leggi prima di lasciare un commento
I commenti inviati vengono posti in fase di moderazione, quindi non preoccuparti se il tuo commento non viene pubblicato subito. Cerchiamo di rispondere a tutti entro il giorno lavorativo successivo a quello in cui viene inviato il commento (non il sabato e la domenica), compatibilmente con il tempo a disposizione e il numero di commenti, spesso molto elevato. Prima di scrivere un commento ti consigliamo di leggere queste brevi linee guida, per capire qual è il tipo di aiuto che possiamo darti e in quale forma. Per pubblicare un commento scorri in basso.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

AMERICAN DREAM ROUTES