canyon de chelly cosa vedere 2

Canyon de Chelly National Monument: cosa vedere e come fare un tour

Maggio 20, 2024 /

Nell’immenso e variegato scenario naturale dell’Arizona – lo stato che ospita il Grand Canyon e la Monument Valley – sorge un canyon meno conosciuto, eppure in grado di reggere il paragone con questi due celeberrimi parchi americani, sia per bellezza che per capacità di suggestione: il Canyon de Chelly.

Dal momento che si trova un po’ fuori dai classici tour, se vorrete inserire nel vostro itinerario questo magnifico monumento nazionale dovrete organizzare al meglio la visita. Non temete, però! Siamo qui apposta a darvi tutti i consigli su come arrivare, cosa fare e cosa vedere nel parco!

Cos’è il Canyon De Chelly?

canyon de chelly punti panoramici

Il Canyon De Chelly National Monument è un’area naturale protetta di circa 340 chilometri quadrati istituita come Monumento Nazionale degli Stati Uniti nel lontano 1931.

Pur essendo gestito in parte da NPS, questo parco fa parte del territorio Navajo. A Chinle, la scalcagnata cittadina nei pressi del canyon, vivono infatti moltissimi nativi: fino a non molto tempo fa, essi erano insediati proprio all’interno di questo maestoso canyon dalle pareti di arenaria a strapiombo, che salgono vertiginosamente formando imponenti dirupi alti fino a 350 metri.

Nel profondo del canyon scavato dal Chinle Creek cresce una rigogliosa e affascinante vegetazione, ma soprattutto si trovano insediamenti secolari in adobe risalenti all’epoca degli antichi anasazi (antenati dei Navajo di cui troverete traccia anche nel parco Mesa Verde), incastonati direttamente nelle pareti rocciose. Dai vari punti panoramici noterete che il canyon è formato a sua volta dalla confluenza di due diverse gole (il Canyon del Muerto e il Canyon de Chelly vero e proprio), che si ramificano in una serie di numerosi e più piccoli canyon: un vero e proprio labirinto intricato di oltre 40 km.

Dove si trova e come arrivare


Il Canyon de Chelly si trova all’interno di una riserva indiana Navajo nella cittadina di Chinle, in Arizona nord-orientale. Come accennato, questo parco è un po’ fuori dalle principali direttrici turistiche, quindi calcolate bene gli spostamenti. Ecco i tempi di percorrenza dalle principali cittadine della zona:

  • Dal New Mexico:
    • Gallup: un’ora e 30 minuti
    • Albuquerque: circa 3 ore e 40 minuti
  • Dall’Arizona:
    • Flagstaff: circa un’ora e 50 minuti
    • Kayenta: un’ora e 15 minuti
    • Page: due ore e 40 minuti

Che veniate dall’Arizona meridionale (Flagstaff) o settentrionale (Kayenta-Page) o dal New Mexico il punto di riferimento per la visita sarà sempre Chinle, raggiungibile tramite una breve deviazione dalla US-191 N sulla Route 7.

Qui si trova il Visitor Center del parco, all’incirca all’imbocco del canyon (l’indirizzo è Indn Rte 7, Chinle, AZ 86503). Da qui partono due strade che salgono costeggiando i versanti del canyon (South Rim Drive e North Rim Drive). Come vedremo a breve, ci sono luoghi d’interesse su tutti e due i versanti, quindi si tratta solo di scegliere da quale iniziare.

A seconda dell’itinerario (ma è un’opzione improbabile) potete anche valutare di raggiungere Chinle venendo da Tsaile lungo la Indian Route 64, che non è altro che la strada lungo il North Rim. In ogni caso, se venite da questa direzione dovrete sempre raggiungere il Visitor Center per accedere successivamente alla strada che corre lungo il South Rim.

Arrivare al Visitor Center da Sawmill lungo la Route 7 che percorre il versante sud non è consigliabile perché la strada è dissestata (diventa asfaltata all’altezza dello Spider Rock Overlook).

Orari, biglietti e altre info

orari canyon de chelly

L’ingresso al parco è gratuito. Il Visitor Center è aperto tutto l’anno dalle 8:00 alle 17:00 ad eccezione di Natale, Thanksgiving e Capodanno. Tuttavia, le due strade che conducono ai vari punti panoramici sono percorribili tutto l’anno 24 ore su 24.

Vi suggerisco di iniziare la vostra visita proprio dal centro visitatori, prendendo una mappa e visitando il museo dedicato alla storia del Canyon e delle popolazioni che per secoli lo hanno abitato. All’esterno dell’edificio, troverete la ricostruzione di un “hogan”, abitazione tipica dei nativi.

Come visitare il Canyon De Chelly?

visitare canyon de chelly

Godere di questa meraviglia naturale non risulta particolarmente complicato e, se non avete pretese particolari, non vi prenderà troppo tempo. Il modo di visitare il parco più semplice ed economico (in termini di tempo e denaro) è farlo esplorando i bordi del canyon, che regalano una successione di viste spettacolari tramite 10 punti panoramici che, come dicevo e come approndirò a breve, si distendono lungo la South Rim Drive e la North Rim Drive.

L’interno del canyon è invece custodito piuttosto gelosamente dai Navajo, i quali non permettono escursioni se non tramite visita guidata (rigorosamente organizzata da loro). Se, come abbiamo fatto noi, deciderete di esplorare approfonditamente il Canyon de Chelly, dovrete acquistare uno dei tour disponibili in loco (in jeep, a cavallo o a piedi). L’unica eccezione a questa regola è il sentiero White House Ruins Trail, che conduce alle uniche rovine anasazi visitabili liberamente, ma che purtroppo, è chiuso dai tempi del Covid e lo è tuttora (maggio 2024).

Visitare Canyon De Chelly dall’alto: i punti panoramici sui bordi

canyon de chelly scenic drive

La soluzione più semplice è quella di visitare il parco lungo i bordi esterni: è un’ottima opzione sia la per comodità (i punti panoramici sono tutti raggiungibili in auto) che per la particolarità che solo una vista dall’alto può offrire.

I punti panoramici lungo il North Rim

Ecco tutti i punti panoramici che potrete visitare percorrendo in macchina il North Rim che segue il corso del Canyon del Muerto:

  • Antelope House Overlook: si tratta di uno dei punti più popolari del parco. Prende il nome da antiche pitture rupestri che raffiguravano delle antilopi che sono state rinvenute lungo una parete rocciosa. Deviate dalla strada principale seguendo l’indiciazione e lasciate la macchina nell’ampio parcheggio. Camminate verso il bordo del canyon: vi troverete su un’ampia terrazza panoramica che offre numerosi affacci sul Canyon del Muerto. Ci sono due piattaforme di osservazione da cui guardare il panorama in sicurezza, ma nei pressi del burrone la cautela non è mai troppa! Dal punto di osservazione situato a destra (spalle al parcheggio) si vede anche la Antelope House.
  • Mummy Cave Overlook: poco più avanti sulla strada, troverete la deviazione verso Mummy Cave e Massacre Cave. Al bivio, seguite le indicazioni per il Mummy Cave Overlook per accedere un bel punto di osservazione dal quale si vede bene, sul lato opposto del canyon, una grotta che nasconde un gruppo di antiche rovine. Il luogo ha avuto questa denominazione in seguito alla scoperta di due mummie nelle vicinanze.
  • Massacre Cave Overlook: tornando indietro dal Mummy Cave, potrete decidere se tornareVisitor Center oppure deviare verso l’ultimo punto panoramico del North Rim, il Massacre Cave Overlook. Questo belpunto panoramico deve il suo nome ad un episodio molto triste della storia indiana: qui infatti nel 1805 una spedizione militare spagnola uccise più di 110 Navajo asserragliati in una grotta che si può osservare dal punto panoramico. Oltre a vedere la grotta in lontananza, anche da qui si gode di una stupenda prospettiva sulle rupi e il suolo rigoglioso del Canyon del Muerto.
  • Ledge Ruin Overlook: questo punto panoramico è il primo che troverete venendo dal Visitor Center, ma lo metto in chiusura dell’elenco perché purtroppo risulta chiuso da tempo per motivi di sicurezza.

Considerate un’ora e mezza (max 2 ore) per visitare tutti i punti panoramici con calma (incluse andata e ritorno al Visitor Center). Tenete conto che in questa parte del parco le foto migliori si scattano al mattino.

I punti panoramici lungo il South Rim

Scorri per vedere tutte le immagini

Tornati al Visitor Center, è l’ora di imboccare la South Rim Drive, lungo la quale si trovano altri 7 punti panoramici . La caratteristica di questa strada è che risulta in leggera ma costante salita, quindi ogni punto panoramica vi porterà ad un’altezza maggiore. Nel caso vi doveste trovare a scegliere solo un versante, vi suggerisco di scegliere questo perché è il più “completo” e offre panorami stupendi, uno su tutti lo Spider Rock Overlook. Se siete interessati alla fotografia, tenete conto che questo versante del parco è più adeguato per le foto pomeridiane.

Ecco quali sono i punti panoramici, tutti rivolti verso il Canyon de Chelly.

  • Tunnel Overlook: il primo punto panoramico che troverete non è il migliore, sicuramente. Vi porterà di fronte a una gola secondaria del canyon, e non vedrete granché. La particolarità di questo punto è che da qui parte un sentiero su scale che scende nella gola fino all’ingresso del Chinle Wash. Voi potete scendere per un po’, ma poi il passaggio sarà interdetto perché si può procedere soltanto con un tour guidato.
  • Tsegi Overlook: adiacente al Tunnel Overlook si trova lo Tsegi Overlook, che offre una bella vista su un punto in cui il letto del fiume è particolarmente vasto.
  • Junction Overlook: la particolarità di questo overlook è che, come suggerisce il nome, offre un panorama del punto nel quale si incrociano il Canyon del Muerto e il Canyon de Chelly. Da qui è possibile osservare in lontananza anche i resti di due rovine: la Junction Ruin e la First Ruin. Appena lasciata la macchina, vedrete che la piattaforma naturale da cui osservare il canyon è piuttosto ampia, quindi divertitevi ad esplorare facendo sempre attenzione al ciglio del burrone.
  • White House Overlook: si tratta di uno dei punti panoramici più famosi del parco, dal quale si possono osservare le famose rovine e intraprendere l’omonimo sentiero di cui abbiamo parlato in precedenza. Come anticipato, però, il punto panoramico è attualmente chiuso.
  • Sliding House Overlook: un ampio parcheggio vi darà accesso a una bellissima terrazza panoramica su uno sperone a picco sul canyon. Da qui lo sguardo svaria da est a ovest, e permette di vedere il canyon principale e le aguzze pareti delle varie gole periferiche originate dal fiume. Anche da qui si possono osservare i resti di antiche dimore native, ma anche edifici più recenti, segno che nel canyon c’è ancora una, seppur minima, attività agricola.
  • Face Rock Overlook: si accede a questo punto panoramico percorrendo un breve sentiero dall’area parcheggio situata lungo il corso della strada. Qui c’è solo una terrazza dalla quale si spalanca la vasta gola del de Chelly. Una particolarità? Sul muretto della terrazza troverete un piccolo “trinocolo” che punta a tre diversi obiettivi. Vi aiuterà a concentrare l’attenzione su alcune antiche abitazioni scavate nella roccia.
  • Spider Rock Overlook: il punto panoramico più bello del parco è anche l’ultimo sulla South Rim Drive. Preparatevi a rimanere a bocca aperta davanti alla formazione rocciosa più famosa del parco, la Spider Rock. Stiamo parlando di una doppia torre rocciosa alta 240 mt che si innalza imperiosa dal suolo del Monument Canyon. Il colpo d’occhio è eccezionale e non smetterete di fotografare il panorama da ogni prospettiva. Non vi accontentate però: continuate a sinistra lungo il breve sentiero che vi ha portato alla terrazza e troverete una rupe che offre un altro sensazionale affaccio sul de Chelly.

Prendetevi almeno 2 ore per visitare tutti i punti panoramici con la calma necessaria. Considerate che la distanza dai parcheggi è sempre minima ma c’è sempre un po’ da esplorare e parecchio da fotografare!

Visitare il Canyon de Chelly con un tour organizzato

tour canyon de chelly

Dal momento che il White House Ruins Trail, unico modo per scendere all’interno del canyon, è chiuso da tempo e non sappiamo se e quando riaprirà, non si può che osservare il canyon dall’alto. A meno che, come abbiamo anticipato, non decidiate di prenotare un tour con i Navajo.

Quando abbiamo programmato la nostra ultima visita al de Chelly, abbiamo deciso che provare uno di questi tour avrebbe senza dubbio migliorato la nostra esperienza. Non ci bastavano le viste dai punti panoramici: volevamo addentrarci nel canyon per scoprirne i segreti da un punto di vista unico.

La nostra scelta è ricaduta su questo tour privato di 3 ore, che ha soddisfatto alla grande le nostre aspettative. Abbiamo incontrato la nostra guida nel parcheggio di un motel di Chinle, a pochi minuti dal Visitor Center del parco. In perfetto orario, una guida Navajo ci è venuta a prendere con un fuoristrada e, dopo averci portato in un ufficio a pagare la tassa Navajo (8$, non inclusa nel tour), ci ha accompagnato dentro il canyon.

canyon de chelly tour

Il viaggio è stato a dir poco eccezionale: ci è piaciuta non solo l’esperienza in sé di percorrere il fondo del canyon guardando dal basso le sue imponenti pareti, ma anche il brivido di guadare spesso e volentieri il fiume con la jeep. L’esperta guida ci ha raccontato ogni tipo di aneddoto riguardante il canyon: fatti storici, caratteristiche geologiche, leggende legate ai nativi Anasazi e tantissimi segreti da insider.

Lei non era insider per modo di dire: ci ha raccontato di come la sua famiglia abbia in passato abitato il canyon e di come lei, avendolo vissuto in gioventù, ne conosca ogni angolo. Ci ha mostrato dove vivesse l’unica persona ancora residente dentro al canyon e, tra le altre curiosità, ci ha detto che la Spider Rock (che purtroppo non si vede nel tour, essendo troppo lontana) veniva chiamata così dai genitori che volevano spaventare i figli indisciplinati (“se non la smetti di frignare, ti faccio salire in cima alla roccia dove ci sono i ragni!”).

Scorri per vedere tutte le immagini

Durante le 3 ore del tour, la guida ci ha portato dentro al Canyon del Muerto fino all’Antelope House e poi, tornando indietro fino alla Junction, si è inoltrata nel Canyon de Chelly portandoci proprio alla White House. Oltre a queste due, le fermate sono state numerose: abbiamo potuto osservare petroglifi impossibili da vedere altrimenti, formazioni rocciose uniche e pareti altissime a strapiombo sulle nostre teste.

Presso l’Antelope House è presente una bancarella dei Navajo dove ci si può rifocillare o acquistare manufatti artistici. Sia l’Antelope House che la White House sono ben visibili scendendo dalla jeep, ma non si può andare oltre la recinzione di sicurezza.

Il White House Ruins Trail

white house ruins trail

Si tratta dell’unico punto in cui si può arrivare a visitare il fondo del canyon senza una guida Navajo e richiede circa 40 minuti per scendere e un’ora per risalire (in totale 168 mt di dislivello). Il bellissimo sentiero, in partenza proprio dal White House Overlook, scende fino al fondo del canyon e culmina con una visione davvero ravvicinata delle rovine. Troverete i servizi sia all’inizio che alla fine del sentiero (non sono ammessi animali).

white house canyon de chelly

Attenzione: al momento attuale (maggio 2024) sia l’Overlook che il sentiero sono stati chiusi per motivi di sicurezza, e non è dato ancora sapere quando sarà possibile percorrerlo nuovamente.

Dove dormire in zona Canyon de Chelly

thunderbird lodge
Thunderbird Lodge

Le strutture nelle immediate vicinanze si riempiono alla svelta, dunque è preferibile cercare un alloggio abbastanza in anticipo. Noi abbiamo trovato posto proprio al Thunderbird Lodge, un alloggio gestito Navajo e situato letteralmente a due passi dal Visitor Center del Canyon.

dove mangiare a chinle

Oltre a un fornitissimo shop, il lodge annovera uno dei pochi ristoranti (non di catena almeno) di Chinle: la Thunderbird Cafeteria. Noi abbiamo deciso di assaggiare un piatto che potremmo definire “fusion”: il Navajo Burger, un classico hamburger di manzo servito dentro il tradizionale panino di pasta fritta (fry bread) che preparano i Navajo.

Se non trovate posto al lodge e vi accontentate di dormire non immediatamente a ridosso del canyon ma a una breve e ragionevole distanza, potete sempre cercare tra i motel di Chinle, dove, fra le più apprezzate soluzioni per il pernottamento, c’è l’Holiday Inn Canyon De Chelly, arredo in stile baita, moltissimi servizi e ottima cucina, il tutto a soli 10 minuti di macchina dal parco.

A un’ora e quaranta circa trovate Kayenta, città non particolarmente affascinante ma dove è possibile trovare alberghi a buon prezzo (tra l’altro è un’ottima tappa anche per la Monument Valley).

Per distanze maggiori, a circa 3 ore, potete prendere in considerazione anche Page, ottima per visitare anche Antelope Canyon, e Flagstaff, tappa ideale se visitate anche il Grand Canyon.

Quanti giorni? Come programmare un itinerario

Canyon de Chelly cosa vedere

Vi state chiedendo quanti giorni sono necessari per godersi il Canyon De Chelly? Dipende.

  • In 3-4 ore potete vedere tutti e 10 i punti panoramici della Scenic Drive.
  • Se avete a disposizione 7-8 ore, oltre al giro sui bordi, fate anche il tour all’interno del canyon.

Un Consiglio Importante:
Ricordati l’assicurazione sanitaria, non farla potrebbe rovinarti la vacanza in USA! Se non sai come orientarti nella scelta puoi leggere la nostra guida: Assicurazione USA: come scegliere la polizza migliore?

Potrebbero interessarti

goldfield ghost town arizona 1

Goldfield Ghost Town in Arizona: il Far West è duro a morire!

Non lontano da Phoenix, nel rovente deserto del Sonora puntellato di cactus, ai piedi delle suggestive Superstition Mountains, si trova Goldfield, una polverosa ghost town che, a distanza di più ...
route 66 las vegas

Dalla Route 66 a Las Vegas: itinerario consigliato tra Arizona e Nevada

State percorrendo fedelmente la Route 66 e volete fare una deviazione verso Las Vegas? Oppure, andando nel senso opposto, volete sapere qual è la strada più interessante per raggiungere la ...
Old tucson studios in Arizona

Old Tucson Studios in Arizona: a spasso nel Far West

La storia e il mito del Far West esercitano un grande fascino in tantissime persone di diverse generazioni, e un on the road nel SouthWest non può assolutamente prescindere da ...
prescott arizona

Cosa vedere a Prescott, storica cittadina western dell’Arizona centrale

Solitamente, i viaggi nella West Coast toccano l’Arizona solo nella parte a nord della Route 66: si visita il Grand Canyon, la zona di Page e della Monument Valley, tutte ...
lorenzo puliti
lorenzo puliti

Affascinato dagli States fin da piccolo ho poi scoperto che c’era molto altro da scoprire… e da lì non ho più smesso

Leggi prima di lasciare un commento
I commenti inviati vengono posti in fase di moderazione, quindi non preoccuparti se il tuo commento non viene pubblicato subito. Cerchiamo di rispondere a tutti entro il giorno lavorativo successivo a quello in cui viene inviato il commento (non il sabato e la domenica), compatibilmente con il tempo a disposizione e il numero di commenti, spesso molto elevato. Prima di scrivere un commento ti consigliamo di leggere queste brevi linee guida, per capire qual è il tipo di aiuto che possiamo darti e in quale forma. Per pubblicare un commento scorri in basso.

10 commenti su “Canyon de Chelly National Monument: cosa vedere e come fare un tour”

    • Ciao Marco. Per quanto riguarda il Canyon de Chelly i punti panoramici sono visitabili anche oltre gli orari di apertura e chiusura del visitor center. Quando ti riferisci agli “altri” bisognerebbe essere però essere più specifici perché ogni parco nazionale ha le sue regole.

    • Ciao Alessandra, dovrai arrivare a Chinle e poi seguire le indicazioni per Canyon de Chelly (impossibile sbagliare!). Quando arriverai al Visitor center troverai anche il bivio tra le due strade panoramiche (North Rim Drive e South Rim Drive): a quel punto non ti resterà che scegliere il versante :). Se può esserti utile, ecco l’itinerario.

  1. Complimenti per il sito, veramente ben fatto e con tantissime info utili.
    A giugno, il percorso che abbiamo studiato prevede il pernottamento per una notte a Mesa Verde (Far View Lodge), poi una notte a Monument Valley (Goulding’s Lodge), infine due notti a Page.
    Domanda secca: volendo passare per il Canyon de Chelly, meglio fare Mesa Verde->Canyon de Chelly->Monument Valley->Page o Mesa Verde->Monument Valley->Canyon de Chelly->Page? Per ora ho impostato quest’ultimo, soprattutto per passare per il Forrest Gump Point che si trova tra Mesa Verde e Monument Valley.

    Rispondi
    • Ciao Gianmarco, se l’intenzione è quella di vedere il Forrest Gump Point allora va bene l’ultimo, anche perché le distanze non sono molto differenti.

  2. ciao Lorenzo,
    il Canyon de Chelly è zona Navajo e quindi segue lo stesso fuso orario della Monument Valley?
    Grazie 1000 per questo utilissimo sito!

    Rispondi
    • Ciao Bernardo,
      ti ringrazio della risposta, tuttavia quella pagina non parla specificamente del Canyon de Chelly. Credo valgano le stesse regole della Monument Valley dato che è sempre territorio Navajo, ma avevo scritto la domanda per esserne sicuro al 100%

    • Ciao, come puoi vedere nella mappa dell’articolo che ti ho linkato il Canyon de Chelly fa parte della Navajo Nation e quindi ne segue il particolare fuso orario.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

AMERICAN DREAM ROUTES