Viaggi-USA.itAggiornamenti sulla situazione dei viaggi negli Stati Uniti (Covid19)

Aggiornamenti sulla situazione dei viaggi negli Stati Uniti (Covid19)

coronavirus-viaggi-usa

Articolo aggiornato al 18 giugno 2020

Ormai sono passati alcuni mesi dall’11 marzo, quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che l’epidemia di Covid era da considerarsi ufficialmente una pandemia. Proprio l’11 marzo la Casa Bianca emanava una proclamazione di Trump che dichiarava la chiusura dei confini  e il conseguente divieto di ingresso negli Stati Uniti (ban) per viaggi non essenziali. Tra i motivi non essenziali c’era chiaramente anche il turismo, che da quel giorno è precluso a tutti coloro che provengono dall’Area Schengen (Italia compresa) e da tutti gli stati in cui è presente il focolaio.

Nel frattempo, nel nostro Paese le cose si sono evolute: ci sono state le varie fasi di ripresa graduale, e oggi si è tornati a una parvenza di normalità. Dal 15 giugno i nostri confini nazionali sono stati riaperti ed è possibile, in teoria, viaggiare negli stati dell’area Schengen (anche se nel momento in cui scrivo ogni singolo stato europeo ha le sue regole per contenere l’epidemia di coronavirus che, ricordiamolo, è ancora presente).

Dal 30 giugno 2020 in poi, se non ci sono nuovi picchi di contagio, secondo quando riportato dal sito ufficiale della Farnesina Viaggiare Sicuri dovrebbe essere possibile viaggiare anche verso gli stati al di fuori dell’area Schengen. Anche in questo caso però bisognerà verificare se i singoli stati avranno deciso di riaprire i loro confini.

Ma quindi? Gli Stati Uniti quando riaprono?

Dovete sapere che questa proclamazione del presidente degli Stati Uniti funziona diversamente dai decreti che in questo periodo ci siamo abituati a leggere: non è specificata infatti una data, anche indicativa o provvisoria, di quando verranno riaperti i confini nazionali. Per questo motivo, è per noi impossibile dare una risposta alle molte domande che ci mandate riguardo a una previsione di quando sarà possibile viaggiare di nuovo oltreoceano per motivi turistici. Purtroppo possiamo solo aspettare una nuova Proclamazione di Trump in cui venga tolto il ban turistico.

Cosa sappiamo al momento? In mancanza di notizie ufficiali sulla riapertura dei confini per noi italiani, possiamo solo riportare le decisioni che gli USA prendono nei confronti degli stati confinanti, anche alla luce della situazione sanitaria che negli Stati Uniti pare ancora piuttosto critica. Recentemente il governo canadese e americano hanno trovato un accordo per la proroga della chiusura dei reciproci confini per viaggi non essenziali fino al 21 luglio, il che ci fa capire che l’emergenza è ancora attiva negli stati del Nord America.

In sintesi, non possiamo fare altro che attendere una ulteriore evoluzione di questa situazione: state tranquilli che vi terremo aggiornati.

Intanto, se volete usare questo periodo per organizzare un viaggio futuro consigliamo di prenotare servizi che permettono di cancellare senza penale, come ad esempio alberghi, noleggio auto e attività turistiche. In tal caso potete rifarvi alle nostre guide:

Per finire, i consigli su come informarsi rimangono sempre gli stessi: non prestate fede a messaggi anonimi o provenienti da fonti non verificabili. La fonte ufficiale per informarsi sulla situazione dei viaggi nel mondo è il sito della Farnesina: Viaggiare Sicuri.

Dobbiamo rimandare i nostri propositi di viaggio ma non preoccupatevi, le bellezze d’America restano lì ad aspettarci e più seguiremo le indicazioni fornite prima potremo tornare a visitarle.

Stay tuned…

Aggiungi Viaggi-USA alla tua schermata Home

Aggiungi
×
Dove dormire a Monument Valley

Viaggi-USA Newsletter

I nostri consigli di viaggio e le migliori offerte USA per email...