HomeItinerari USAWest CoastSouthWest: Itinerari fra più StatiTour dei Grandi Parchi Americani dell’Ovest in due settimane
Itinerari USA SouthWest: Itinerari fra più Stati West Coast

Tour dei Grandi Parchi Americani dell’Ovest in due settimane

grandi-parchi-americani

A gennaio, dopo diverse ipotesi, il programma definitivo: giro da 4.000 Km per i grandi parchi Americani di Arizona, Nevada e California, con partenza da Los Angeles ed arrivo a San Francisco. Saremmo partiti in otto, quattro coppie: io e Mina, Roberto e Rosanna, Sergio e Francesca e Giovanni con Lina; ha poi deciso di unirsi a noi, a metà viaggio, Benedetta, figlia mia e di Mina, appena dopo gli esami universitari.

Avremmo fatto il giro in macchina e ci avremmo messo due settimane, dal 1° al 15 maggio; prima, infatti, il clima avrebbe potuto essere troppo freddo, dopo troppo caldo; prima di partire abbiamo consultato le temperature medie dei posti che andavamo a visitare, alcuni dei quali sul mare, altri ad oltre 2.000 metri di altitudine. Noi abbiamo avuto sempre tempo buono, con temperature estive a Las Vegas e freddo pungente a San Francisco (finalmente abbiamo usato i maglioni!).

Premetto che, in queste pagine, cercherò di limitare le mie valutazioni (ognuno se ne farà delle sue; per me comunque tutti posti bellissimi, nessuna delusione) ma cercherò soprattutto di fornire informazioni pratiche ed utili per chi avesse un programma simile al nostro.

Questo è Planning del viaggio:

piano di viaggio

magliette usa e new york

Viaggi-USA SHOP: Magliette, felpe e gadget per gli amanti degli States!

Cerchi magliette, felpe e altri gadget a tema Stati Uniti, New York o viaggi on the road? Abbiamo creato Viaggi-USA Shop, il negozio per gli amanti delle bellezze degli States!

Qualche alternativa al nostro percorso, pensata ma poi scartata: innanzitutto il trasferimento da Monument Valley a Las Vegas (senza tornare a Flagstaff): presuppone un pernottamento vicino a MV (io non ne ho trovate di disponibili a prezzo accettabile) e da lì a LV su un tracciato diverso dal nostro e di 635 km (da Flagstaff i km sono stati 401, ma in più abbiamo avuto i 275km per il ritorno da MV a Flagstaff).  Poi concludere il viaggio a Los Angeles, con l’ultima giornata dedicata al trasferimento da San Francisco a Los Angeles lungo la costa californiana, che dicono meriti di essere vista. Sarà per la prossima volta …

Il 7 gennaio ci siamo incontrati per cercare i biglietti aerei su Edreams; acquistandoli con molto anticipo si possono infatti avere prezzi sensibilmente più bassi. La nostra scelta è caduta su Klm che ci offriva il volo diretto di andata Roma-Los Angeles ed il ritorno San-Francisco-Los Angeles-Roma a 650€, compresa nel prezzo un’assicurazione medica + assicurazione di viaggio di 34€.

Abbiamo poi cercato un’auto su Rentalcars ed abbiamo noleggiato dal 1° al 15 una monovolume Chevrolet Express (o simile) da 12 posti, offerta dalla società Alamo a 912€ (990$). Una settimana dopo ho fatto il biglietto aereo per Benedetta, che ci avrebbe raggiunto a Las Vegas; ho pagato 700€ e lei avrebbe avuto uno scalo anche all’andata (Detroit).

cartina di viaggio

Nei giorni successivi abbiamo provveduto a prenotare gli alberghi con Booking.com; abbiamo cercato delle sistemazioni decorose ma non troppo costose, dove fosse compresa la prima colazione e che stessero in posti pratici in rapporto alle mete del nostro viaggio. Ho fatto quasi tutte le prenotazioni con la mia carta di credito, ma sarebbe stato preferibile farle dando anche quelle degli altri, per evitare di prosciugare tutto il fido della mia carta man mano che pagavo le permanenze (abbiamo rimediato, ad un certo punto, chiedendo di pagare con la carta di un altro). Tutte le prenotazioni prevedevano la disdetta a costo zero (mai esercitata) fino al giorno precedente l’arrivo, tranne Las Vegas, dove abbiamo affittato un villino pagandone la metà un mese prima. A proposito di prezzi, penso tutti sappiano che i prezzi che leggiamo (alberghi, ma anche lì in supermercati, bar, negozi) non sono quelli che pagheremo, perché ad essi vanno aggiunte le tasse locali, differenti da città a città (mediamente tra il 10 ed il 15%).

Prima di partire un’altra cosa utile: un piano telefonico per gli USA, che è indispensabile per telefonare e per avere internet quando non si ha il wi-fi; io e qualcun altro l’abbiamo fatto con TIM (10€ per 10 giorni con una promozione Tim in viaggio Pass); tutto ok, ma sarebbe stata utile qualche informazione da Tim su cosa fare: bisogna infatti impostare il telefono su roaming dati per avere internet, visto che ci serviamo di  gestori locali, tipo AT&T; purtroppo poi, quando dopo 10 giorni il piano è finito, non c’è stato modo per rinnovarlo, come succede di solito grazie ad un SMS che ti manda il gestore chiedendoti se vuoi rinnovare il servizio (basta rispondere SI con un SMS). Tim non l’ha fatto e il 119, dagli USA, è a pagamento ed abbiamo evitato di starci delle ore prima di riuscire a parlare con un operatore. Stare per 5-6 giorni senza internet è stato seccante.

01.05

itinerario-parchiOre 10,10: si parte! Il viaggio è con un vettore Alitalia e dura più di undici ore; le nuvole ci impediscono di vedere gran parte dei posti che abbiamo sorvolato: nord verso Germania, coste danesi e norvegesi, Islanda, Groenlandia e poi giù verso Canada ed Usa. Arriviamo alle 13,30 (locali) e ci aspettano file infinite per la dogana e per i bagagli; superate queste, il primo problema è trovare, fuori dal terminal, in un oceano frenetico di persone, auto e pullman vari, lo shuttle che ci porterà alla sede dell’autonoleggio. Ci riusciamo dopo una decina di minuti ed andiamo, in tanti, verso la sede di Alamo. Ci aspettano altre file (in tanti vanno a Los Angeles!), ma riusciamo a bypassarle visto che abbiamo già prenotato e pagato; ci mandano ad uno sportello dove un’impiegata ci consegna un po’ di carte con cui ritirare l’auto. Andiamo nel posto indicato e dopo qualche tergiversare ci consegnano un pulmino Ford Transit da 15 posti, ma senza portabagagli! Come si può pensare che otto persone vengano dall’Italia per un tour di 15 giorni e non abbiano bagagli? Avevamo pure telefonato a Rentalcars per questa necessità, visto che a Sergio era venuto qualche dubbio guardando in internet le foto del mezzo, ma Rentalcars ci aveva tranquillizzati. E’ stato un problema caricare e scaricare i valigioni ad ogni tappa, spostandosi negli angusti corridoi del pulmino… Poi, tra l’altro, qualcuno m’ha detto che per guidare in USA un pulmino la patente B non basta (serve la patente internazionale in California); ma non ci hanno mai fermato!

Grazie al navigatore (altra cosa molto importante! Per fortuna lo scorso dicembre avevo acquistato le mappe USA per il mio Tom Tom, le avevo installate e me l’ero portato dietro: utilissimo, anche se diverse volte ho avuto il forte dubbio che le mappe non fossero molto aggiornate), grazie al navigatore, dicevo, arriviamo all’Hollyday Inn Express LAX: sistemazione appena decorosa ma, soprattutto, vicina all’aeroporto (4 camere per due notti: 684$, tasse e spese varie comprese). Ci sistemiamo e decidiamo di fare un salto a vedere l’oceano Pacifico a Santa Monica; ci arriviamo in una mezz’oretta, cerchiamo un parcheggio (in uno a pagamento vogliono 30$ e ci pare troppo …) e finalmente, sul lungomare, troviamo uno gratuito e con posti liberi (le strisce sono bianche). Lasciato il pulmino andiamo a piedi lungo la spiaggia – molto ampia e piena di gente che passeggia, corre, va in bici, fa sport …– fino ad un molo dove ci sono negozi e posti per mangiare. Ci stiamo per qualche ora (lì sono le 21 ma per noi sono già le 6 del giorno dopo), torniamo alla macchina e troviamo una multa di 53$ (il posto è privato, ci spiega qualcuno mostrandoci un cartello) e troviamo pure chiuse le strade di accesso al lungomare. A fatica ne troviamo una aperta, con una banda chiodata per terra: per fortuna i chiodi sono per impedire di entrare ma non di uscire e dopo un po’ di ansie torniamo all’hotel e finisce questa prima giornata targata USA.

02.05

Giorno dedicato a Los Angeles: facciamo un giro che comprende Downtown ed il quartiere messicano di Olvera Street, Hollywood e poi gli studios, passando poi per Beverly Hills. La zona più affascinante è senza dubbio Hollywood, dove entri in contatto con un mondo folle dove regna il cinema: negozi, gadget, enormi cartelloni pubblicitari, sosia di attori famosi, tutto è cinema e forse questo è l’aspetto più affascinante di LA; almeno per chi, come noi, non ha tempo per interessarsi dei famosi musei della città (il Getty, il Moca…). Andiamo poi a visitare l’Universal Store, un centro commerciale pieno di negozi ed attrazioni, visto che gli Studios sono già chiusi.

La sera si cena nella zona dell’albergo, a Inglewood e dopo un po’ di giri in cerca di qualcosa di meglio, facciamo la conoscenza con la cucina cino-mongola. Funziona cosi: entri e prendi una scodella dove metti, a tuo piacere, verdure crude, carne e pasta, esposte in vaschette con una discreta scelta; aggiungi un po’ di condimenti (anonimi) e dai le scodelle ad un cuoco che versa le tue pietanze su una grande piastra arroventata e le cucina mescolandole; quando finisce ti versa il tutto in un contenitore di carta plastificata con cui paghi (a peso) e mangi (pasta, verdura, carne e forse altro, tutto assieme; quanto je piaceva a loro!). Peccato che io ho capito dopo il meccanismo, solo quando ho cercato di mangiare dei broccoletti che erano nella mia scodella ancora crudi …

03.05

diario-di-viaggio-parchiGiornata di trasferimento verso l’est ed i grandi parchi; quasi ottocento chilometri da Los Angeles a Flagstaff, percorrendo tratti della mitica Route 66.

Qualche osservazione, innanzitutto. Sulle strade americane i distributori di benzina sono piuttosto scarsi ed io non ne ho visto nessuno sulle highway, le loro autostrade; per fare benzina bisogna uscire da queste e la si trova quasi sempre allo svincolo. Il prezzo, poi, è molto variabile: noi l’abbiamo trovata a 2,29$ a gallone ma anche a 4,44; dipende dal posto e più questo è isolato e fuori mano, più è alto il prezzo. Il mio consiglio, quando si fanno lunghi spostamenti, è di fare il pieno appena si arriva ad un quarto di serbatoio; ci è capitato di fare più di cento chilometri senza trovare una pompa di gasoline (o trovando solo degli strozzini …).

Nel lungo trasferimento a Flagstaff percorriamo le highway e ne usciamo (poco) e solo per andare sulla R.66; le indicazioni per questa mi sono parse piuttosto scarse e spesso giriamo a vuoto per stradine prima di trovarle; quando poi ne trovi una, spesso non è indicata la direzione (in che senso si va verso Flagstaff o verso LA). Una volta l’uscita indicata sulla highway (Route66) portava solo ad un distributore (la strada poi era chiusa) che vendeva la benzina a prezzi esorbitanti … Forse avremmo dovuto affrontare questa esperienza in un altro modo e non durante una tappa così lunga; comunque abbiamo fatto un po’ di chilometri della mitica, siamo anche entrati in uno store per acquistare dei gadget e ci siamo fermati per farci delle foto. La prossima volta comunque mi farò la Route 66 in Harley: ne abbiamo incontrate tantissime su quella strada …

Dopo centinaia di chilometri di strade in zone brulle e quasi completamente disabitate, arriviamo a Flagstaff, che sembra un paese svizzero, circondato da alberi, a 2000 metri slm e con un monte innevato sullo sfondo: molto carina e molto alpina. Andiamo allEcono Lodge University, il nostro hotel, dove passeremo tre notti; è una buona sistemazione (4 camere per tre notti: 768,36$, t.c.). Per cena giriamo un po’ nella downtown e troviamo molti locali già chiusi alle 21; alla fine riusciamo a mangiare una (discreta) pizza in un piccolo locale, conoscendo pure una cameriera che era stata a Torino e parlava un po’ d’italiano. Poi tutti a letto!

04.05

diario-di-viaggio-usaSi va al Grand Canyon; ci vuole un’ora e mezza per arrivarci su strade buone (il Tom Tom mi aveva chiesto se volevo passare per strade sterrate che poi non c’erano). Abbiamo parcheggiato al Visitor Center (conviene sempre andarci quando si visita un parco: ti danno cartine, informazioni sui posti da vedere e ci sono pure bagni e negozi) e poi con gli shuttle ci siamo spostati su diversi punti di osservazione dai quali ammirare questo spettacolo della natura. Devo dire che i parchi che abbiamo visitato sono tutti molto ben organizzati, con molte indicazioni e illustrazioni, con navette gratuite per girarci (sono tutti enormi) e con addetti che rispondono gentilmente alle tue domande. Hanno tutti un costo d’ingresso da 10 a 30$, 100 a Monument Valley perché eravamo in pulmino; in uno degli ingressi l’addetto non c’era (il pc era rotto) ed un cartello chiedeva di lasciare i soldi in una busta dentro una buca per la posta; in USA si può … Per i parchi si può fare una tessera cumulativa da 80$ (che però non vale per i parchi indiani) che noi comunque non abbiamo fatto. Appena dopo il Canyon facciamo tappa in una steak-house che sta sulla strada, per mangiare americano ed osservare un alce che pascola e poi tutti a dormire.

05.05

tour-grandi-parchiOggi Monument Valley; ci sono quasi tre ore di strada, ma ne è valsa la pena: è davvero un posto maestoso con queste cime che si stagliano su una radura che pare infinita; si gira con la propria auto ma si possono noleggiare auto, fuoristrada, cavalli, asini e forse anche altro.

Sulla strada del ritorno facciamo una deviazione per visitare il Navajo National Monument: si tratta dei resti di un antico agglomerato di case all’interno di una enorme nicchia sulla parete di un canyon. Era abitato da cento-duecento persone di una tribù antenata dei Navajo intorno al 1200 e poco dopo fu abbandonato e divenne successivamente un luogo sacro per i nativi. Guardando da un centinaio di metri, grazie ad un binocolo messo lì per i visitatori, si vedono queste casette che sembrano un presepe o i sassi di Matera: è uno spettacolo molto suggestivo!

06.06

Si ptour parchi las vegasarte per Las Vegas, rifacendo in senso inverso un tratto di strada fatto all’andata, per poi deviare verso Nord a Kingman. Lungo la strada un breve ma intenso acquazzone con grandine e ci vediamo tagliare la strada da un suv che, dall’altra carreggiata, sbanda sulla nostra per poi finire fuori strada (non abbiamo mai visto guarda rail sulle highway ma solo ampi sterrati tra le due carreggiate). Un po’ di spavento … Facciamo sosta prima in una stazione di servizio molto particolare (antipasto di cosa ci aspetta a Las Vegas: tutto molto americano; c’è pure un pulmino con ruote enormi per fare un giro sulle dune di sabbia) e poi alla Diga di Hoover, che merita una visita per la sua imponenza e per i panorami che offre.

Dopo le due di pomeriggio arriviamo alla villetta prenotata, Vegas Oasis, ma non c’è nessuno; dopo un po’ d’attesa, cominciamo il giro di telefonate: booking.com, ma non risponde nessuno (è mezzanotte in Italia) e proprietario (idem). Insistiamo e dopo un paio d’ore ci risponde Booking (ma solo in inglese; contatterà il proprietario) e finalmente il proprietario (ovviamente in inglese; avete capito che siamo un po’ scarsi in lingue estere?); riusciamo con difficoltà a capire che per entrare dobbiamo digitare sul display accanto alla porta d’ingresso le ultime quattro cifre del nostro numero telefonico. Pare che queste istruzioni ci siano state inviate ma non ci risulta; colpa nostra, di Booking o del proprietario? Ci precipitiamo comunque alla porta e cominciamo i tentativi, ma quale numero abbiamo dato? Alla fine ci riusciamo con quello di Rosanna (!) ed entriamo, ma arriva pure una (gentilissima e comprensiva) guardia giurata, che era stata allarmata dai nostri tentativi per entrare; ci spiega tutto, come entrare e come inserire l’allarme quando usciamo, e ci lascia pure il suo numero di telefono. Visto quanto eravamo impacciati, ci siamo divisi i compiti: Roberto sapeva come entrare, Mina inseriva l’allarme prima di uscire (io ero il rigido custode delle chiavi del pulmino, di cui avevamo due esemplari bloccati assieme da una chiusura che non riuscivamo ad aprire: non era proprio il caso di perderle o lasciarle nel pulmino).

La villetta è decente (quattro pernottamenti a 700+150$ per le pulizie, t.c.), ci sono quattro camere e due soli bagni (unico piccolo problema), ma abbiamo l’uso della cucina e di un’ampia sala comune (cose che abbiamo sfruttato alla grande), oltre che di lavanderia, giardino, e, nel giardino, jacuzzi e piscina (che abbiamo sfruttato per niente). Usciamo poi per fare un po’ di spesa con la quale le donne preparano una cena italiana (la pastaaa!) e poi a letto.

07.05

P1190379In mattinata andiamo al Red Rock Canyon, molto bello e vicino a LV. Posto molto suggestivo, da visitare. Il pomeriggio andiamo prima a Fremont, un posto assolutamente da vedere per capire dove siamo; è una grande galleria dove c’è di tutto: negozi, casinò, uno spettacolo musicale e tanta, tanta gente: un sosia di Elvis che canta (bene) ed i sosia di Robert de Niro e Jack Nicholson che chiacchierano amabilmente in attesa di farsi fotografare (a pagamento), gente che gira quasi nuda, ballerini di break dance e gente che lassù, appesa ad un filo metallico, vola da una parte all’altra della galleria; ci sono anche anche ubriachi o strafatti… Ci trasferiamo poi (tutte tappe da 15-20 km …) alla 37th San Gennaro Feast, una festa all’aperto con stand gastronomici e di altri prodotti (di San Gennaro e di italiano c’era pochissimo) dove mangiamo una pizza fatta da due siciliani che stanno (bene) a LV da qualche anno. Ci muoviamo poi verso l’aeroporto per prendere Benedetta, lasciando gli altri sei davanti al Bellagio. E’ un’impresa arrivare all’aeroporto, visto che il Tom Tom ci manda ad uno secondario (avevo digitato Airport mentre dovevo cercare Int.Airp…). Arriviamo pelo pelo, con il cuore in gola; Mina va nel terminal e, dopo un’ora di sosta in una zona non permessa, madre e figlia arrivano! Bacioni e poi passiamo a recuperare gli altri a Bellagio.

08.05

tour parchi skywalkOggi andiamo al West Rim del Grand Canyon, dove c’è lo Skywalk, una pedana circolare per passeggiare sul vuoto, su un pavimento di vetro. Ci vogliono quasi due ore in macchina (ci si può andare anche in elicottero da LV), ma è una visita da fare, per vedere il G.Canyon e per provare il brivido del vuoto sotto i piedi; purtroppo non ti fanno fare le foto quando ci vai, dato che le fanno solo dei fotografi Navajo. Dopo il giro, Roberto Rosanna Sergio e Francesca provano pure il brivido dell’elicottero, su e dentro il canyon. Poi si torna a casa, passando per la diga di Hoover da far vedere a Benedetta (non pare molto entusiasta …) e la sera a Bellagio, dove si gira tra riproduzioni di monumenti celebri di tutto il mondo, Venezia, Roma, Parigi…, prima di essere fagocitati da uno dei tantissimi enormi casinò. Comunque è da vedere, è Las Vegas ed è unica!

09.05

valley of fire parchi ovestSi va a visitare il Valley Of Fire, a meno di un’ora da LV. Parco molto suggestivo, con le rocce color rosso fuoco. Pranziamo al sacco in un’area sosta con tavolinetti all’ombra, circondati da piccoli roditori (castori?) che vengono a rimediare qualcosa da mangiare. Ritornati a LV, portiamo Benedetta a Fremont e lei e Mina fanno pure il volo appese al filo.

10.05

tour death valleySi parte verso Visalia, passando per la Death Valley: altra meta molto suggestiva, con diversi posti da visitare: lo spettacolo spettrale delle colline bianche ed aride di Zabriskie Point, il grande bianco lago salato oramai in parte prosciugato di Badwater e le dune di sabbia di Mesquite Flat Sand Dunes. Poi la strada per Visalia, che pare non finisca mai: su e giù per strade e stradine deserte in mezzo a posti disabitati, finché non arriviamo in California, che è un altro mondo: grandi città e tanto traffico sulle strade ed ai lati coltivazioni di tutto a non finire. Visalia è una cittadina carina ed il nostro hotel, un Econo Lodge, è decoroso e pulito (quattro camere di cui una per tre a 317,90$, t.c.). Andiamo a cenare in un ristorante messicano, poi passeggiatina ed a letto.

11.05

diario di viaggio parchiPartiamo verso il Sequoia National Park, fermandoci lungo la strada in posti suggestivi: laghi e vedute alpine con le cime dei monti innevate. Il parco è caratterizzato da questi enormi, altissimi e vecchissimi alberi, che sono unici e famosi: il generale Sherman è alto quasi cento metri, con diametro alla base di undici metri e 2.000 anni d’età! Anche qui colazione al sacco (l’abbiamo fatta spesso, quando giravamo per parchi) e nel pomeriggio verso Sonora. Questa è una graziosa cittadina di montagna, molto turistica (tanti negozi e prezzi da turisti); il nostro hotel, Inns Of Californa, è molto grazioso e pulito (719,92$ per 2 notti). La sera a cena e poi a letto.

12.05

diario di viaggio west coastSi parte per Yosemite, parco stupendo in una valle circondata da monti maestosi e pieni di cascate; appena arrivati, ci fermiamo per vedere e fotografare un orso. Al parcheggio visitatori lasciamo il pulmino e prendiamo una navetta con cui faremo delle tappe per visitare alcuni posti consigliatici al visitor center: andiamo vicino a due cascate, una dopo una salita a piedi piuttosto impegnativa; visitiamo dei corsi d’acqua ed un laghetto, dopo un tracciato più tranquillo; sempre in mezzo a tanti animali. Torniamo a Sonora ma le donne hanno la brutta sorpresa di trovare chiusi i negozi (chiudono alle 16); andiamo a cena e poi a letto.

13.05

diario di viaggio san franciscoPartiamo per San Francisco, dove arriviamo in un paio d’ore passando per il Bay Bridge; continuiamo fino al Golden Gate che è davvero molto suggestivo. Ci fermiamo a vederlo in un paio di view point e poi andiamo verso la costa, all’Embarcadero. Andiamo a fare una colazione americana all’Hollywood Cafè (tanta frutta, toast e succhi di frutta) e poi al Pier 39. Posto sicuramente da visitare, per i tanti negozi ma anche per i leoni marini che stanno in mare, appena sotto il molo del Pier, per farsi osservare e fotografare. Nel tardo pomeriggio andiamo all’hotel, El Camino Inn di Daly City (cittadina attaccata a San Francisco e più prossima all’aeroporto). La sistemazione (811,80$ per due notti, t.c.) è carente, per pulizia, prima colazione (molto scarsa il primo giorno) e per amministrazione (siamo partiti senza ricevute di pagamento). Usciamo in serata ed andiamo a camminare per la zona dei grattacieli e da lì, passando per il quartiere cinese (con tanto di bandiere rosse delle Repubblica Popolare…) torniamo all’Embarcadero; ceniamo prendendo qualcosa al Fisherman’s Wharf (dove cucinano pesce o crostacei in bancarelle e baracche sul marciapiedi della strada); io mi sono fermato al chips and fish. Poi a letto.

14.05

usa parchi ovestOggi si va in centro con la metro; da qui, con i mezzi, andiamo verso la zona hippie di SF, Ashbury; in Haight Street tanti negozi di musica ed oggetti del bel tempo andato, tanta gente, tanti turisti. Prendiamo da mangiare al Whole Foods (supermercato con settori di cibi cotti e pronti) e consumiamo fuori su tavoli messi lì per la bisogna. Il pomeriggio ancora in giro, tanto, e poi a letto presto. Domani sveglia alle 5…

15.05

Carichiamo il pulmino ed andiamo all’aeroporto; lasciamo il mezzo alla sede di Alamo (c’è tutto un palazzo per i vari noleggiatori) e da lì con un servizio di trenini-navetta al terminal. Qui check-in per i bagagli e via, con Delta Airlines, verso Los Angeles. Sosta di cinque ore, utile per spendere gli ultimi dollari, e poi verso Roma con Alitalia. Sorvoliamo gli states da sinistra a destra, poi oceano Atlantico e quindi Francia e Italia, lungo il Tirreno.

16.05volo aereo

ore 14,40: atterriamo a Roma e dopo un paio d’ore tutti a casa!

Questo è il riepilogo di (quasi tutte) le spese sostenute per il viaggio (in euro) dalle quatto coppie (noi+figlia):

spese di viaggio

Galleria fotografica

Programma, resoconto, dati e numeri di Ugo:     fainetai@me.com

Un Consiglio Importante: Ricordati l'assicurazione sanitaria, non farla potrebbe rovinarti la vacanza in USA! Se non sai come orientarti nella scelta puoi leggere la nostra guida: Assicurazione USA: come scegliere la polizza migliore?

Avatar

Viaggi-USA

La tua guida alle vacanze negli Stati Uniti d'America, con itinerari, consigli e dritte per visitare città, parchi e molto altro.

Lascia un Commento

Disclaimer: I commenti inviati vengono posti in fase di moderazione, quindi non preoccuparti se il tuo commento non viene pubblicato subito. Cerchiamo di rispondere a tutti entro il giorno lavorativo successivo a quello in cui viene inviato il commento (non il sabato e la domenica), compatibilmente con il tempo a disposizione e il numero di commenti, spesso molto elevato. Prima di scrivere un commento ti consigliamo di leggere queste brevi linee guida, per capire qual è il tipo di aiuto che possiamo darti e in quale forma.

Clicca qui per scrivere un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Assicurazione Sanitaria

assicurazione sanitaria usa

Assicurazione Sanitaria America: come scegliere la polizza migliore

L'assicurazione sanitaria in America è imprescindibile, ma non è facile orientarsi fra le polizze disponibili. Quali sono i criteri con cui scegliere un'assicurazione USA? Ecco una guida dedicata all'argomento...

Noleggio Auto USA

noleggio auto stati uniti

Noleggio Auto USA: consigli per un affitto macchina Low Cost

Alcune dritte fondamentali per noleggiare una macchina negli Stati Uniti al riparo da spiacevoli imprevisti e con un occhio al portafoglio. Le compagnie migliori, la documentazione necessaria, le coeprture assicurative, costi, tipologie di auto disponibili e molto altro...

Restiamo in Contatto

American Dream Routes

Voli Low Cost USA

voli low cost stati uniti

Voli USA Low Cost: come risparmiare per il volo negli Stati Uniti

La ricerca di un volo low cost può incidere notevolmente sul prezzo totale di una vacanza negli Stati Uniti. Ecco i nostri consigli per spendere il meno possibile affidandosi alle agenzie di voli online

Prontuario Low Cost

Pacchetti Viaggio USA

tour stati uniti

Tour Stati Uniti Organizzati

Pacchetti viaggio preconfezionati e personalizzati per gli Stati Uniti dell'Est, dell'Ovest e Coast to Coast. Un elenco di viaggi organizzati pensati appositamente per scoprire gli States!

Camper USA

camper stati uniti

Come noleggiare un camper in USA?

Una guida dettagliata con tutte le informazioni necessarie per noleggiare un camper negli Stati Uniti e preparare un viaggio on the road indimenticabile!

Noleggio Moto USA

noleggio moto usa

Noleggia una moto in USA

Come noleggiare una moto per il tuo On The Road in USA?

Vai a New York?

Se stai organizzando un viaggio in USA dovrai occuparti di molti aspetti: prenotazione di voli, alberghi, assicurazione, noleggio auto, la documentazione necessaria, le modalità di pagamento, l'utilizzo del telefono, internet e molto altro... nella nostra sezione dedicata alle risorse di viaggio ti spieghiamo tutto quello che ti serve per preparare il tuo viaggio negli States

Dove dormire a Monument Valley

Viaggi-USA Newsletter

I nostri consigli di viaggio e le migliori offerte USA per email...