Zion National Park cosa vedere e come programmare un tour

Febbraio 28, 2020 /
zion-national-park-01

Lo Zion National Park  è un parco montano tanto affascinante quanto talvolta un po’ sottovaluto, a causa di certe difficoltà che si possono incontrare nell’organizzazione della tappa (ma lo vedremo). La sezione principale del parco è una gola profonda scavata dal fiume Virgin, un canyon ampio e scenografico con dirupi vertiginosi e montagne che toccano i 2600 mt sul livello del mare.

Caratteristici sono i colori del parco: le incredibili rocce scolpite brillano di rosso e bianco mentre tutto intorno verdeggiano boschi e valli pensili ricche di fauna.

Se questa breve e sbrigativa descrizione vi è bastata per instillarvi il desiderio di visitare il parco continuate a leggere e scoprirete come organizzare un tour e cosa vedere.

Dove si trova e come arrivare

zion dove si trova

Lo Zion National Park si trova nello Utah meridionale. Se si eccettua il piccolo aeroporto di St. George, è il Las Vegas International l’aeroporto principale più vicino alle due sezioni del parco (270 km), anche se in realtà Zion, come altri parchi USA, è solitamente visitato nell’ambito di viaggi on the road ben più ampi, che possono partire anche dalle principali città della California.

La sezione principale del parco, conosciuta come Zion Canyon, si trova nei pressi di Springdale, mentre una sezione distaccata del parco, chiamata Kolob Canyons, si trova invece vicino a Kanarraville, sulla I-15, a 63 km di distanza (50 minuti di auto). Le due sezioni non sono collegate internamente da una strada percorribile in auto.

scout-lookout

Di seguito ecco le indicazioni per chi vuole raggiungere la sezione principale del parco venendo da ovest e da da est.

  • Venendo da Las Vegas (sud-ovest) dovrete guidare per 205 km lungo la I-15, prendendo eventualmente in considerazione anche Valley of Fire come tappa intermedia (ultraconsigliata!). Poi, dopo St. George, dovrete prendere l’uscita 16. Da qui occorre fare un breve tratto di UT-17 fino a La Verkin per poi imboccare la strada panoramica UT-9 fino all’ingresso ovest del parco, all’altezza di Springdale.
  • Se venite da Salt Lake City (nord-ovest), dovrete invece deviare dalla I-15 tramite l’uscita 27 (Anderson Junction) e poi raggiungere La Verkin. Da lì le indicazioni sono quelle del punto precedente.
  • Se invece provenite da Kanab, Page, Bryce, Moab (est), dovrete in ogni caso raggiungere la US-89 e deviare all’altezza di Mount Carmel Junction. Da qui occorrerà percorrere la UT-9 per 41 km per arrivare al parco tramite la East Entrance. Questo tratto di strada, specialmente negli ultimi 21 km, è molto bello da percorrere, come vedremo.

Per quanto riguarda Kolob Canyons, trovandosi lungo la I-15, è più semplice da raggiungere. Sia chi viene da sud (St. George) che chi viene da nord (Provo, Salt Lake City) dovrà uscire dalla I-15 deviando all’uscita 40. Questa sezione è molto suggestiva e facilmente raggiungibile, ma poco estesa e meno popolare rispetto a quella principale.

Orari e prezzi

zion national park insegnaIl parco è aperto 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno. Lo Zion Canyon Visitor Center è aperto dalle 8 alle 17, mentre il Kolob Canyons Visitor Center è aperto dalle 8 alle 16.30.

Essendo un National Park, è valida la tessera parchi. Se non l’avete, il biglietto d’ingresso costa 35$ per veicolo. Se non siete entrati nel parco con l’auto, pagherete 20$ a persona all’ingresso del Visitor Center.

Quando andare

zion quando andareIl parco è aperto tutto l’anno, ma il periodo migliore per visitarlo è da marzo a ottobre, grazie al clima che lo rende il luogo perfetto per gli escursionisti. In particolare è ideale l’autunno, con i suoi colori caldi e il clima mite, come anche la primavera inoltrata.

L’estate, piena di vita e di fogliame verde, incoraggia le visite ma bisogna ricordare che le temperature sono un più alte e alcune escursioni potrebbero rivelarsi un po’ più faticose. Certo, non siamo nel deserto… ma c’è da scarpinare sotto al sole!

Anche l’inverno ha i suoi vantaggi: non solo il parco è meno affollato, ma il canyon si riempie di colori ancora più brillanti che offrono un bellissimo contrasto con il bianco della neve. Certo le temperature sono molto più rigide e possono mettere in seria crisi gli escursionisti meno attrezzati.

ATTENZIONE!

Il periodo varia di anno in anno, ma indicativamente da aprile a fine ottobre la strada principale del parco (Zion Canyon Scenic Drive) è chiusa al traffico delle auto, per cui occorre parcheggiare la macchina e utilizzare lo shuttle gratuito messo a disposizione dal parco. Durante il resto dell’anno, quando Zion è meno affollato, si può percorrere la Scenic Drive con la propria auto.

Come visitare il parco

zion-sentieriSintetizzando al massimo, ci sono fondamentalmente due modi: farlo di passaggio o esplorarlo in modo approfondito, dedicandogli più tempo possibile.

Mi spiego meglio: lo Zion National Park non è un parco da toccata e fuga come possono essere il Bryce, la Monument Valley o il Grand Canyon, parchi che – ferma restando la possibilità di visitarli con lunghe escursioni – possono essere visitati in modo abbastanza rapido proprio perché i punti panoramici migliori sono facilmente raggiungibili con brevi sentieri o si trovano direttamente on the road. Zion National Park non è quel tipo di parco, perché per vedere i panorami migliori o fare le escursioni più avventurose occorrono tempo ed energie.

Non tutti tengono conto di questo, e quindi ci troviamo spesso a rispondere alla fatidica domanda “posso visitare Zion e Bryce nello stesso giorno, data la vicinanza?”. Ho risposto negativamente sia qui che qui, sottolineando il fatto che nel viaggio verso Bryce occorre limitarsi a visitare Zion di passaggio, percorrendo la bellissima Zion-Mt. Carmel Highway, che è un assaggio notevole. Non si tratterà però di una visita esauriente che, come vedremo nel punto successivo, richiede minimo mezza giornata.

Se rimanete dell’idea di visitare Zion senza spenderci troppo tempo, c’è un’altra opzione: visitare la sezione Kolob Canyons, cambiando però totalmente itinerario. Come anticipato, l’accesso a Kolob Canyons non è sulla UT-9 ma sulla I-15, la strada più veloce tra Las Vegas e Bryce. I panorami di Kolob Canyons sono bellissimi e facili da raggiungere, quindi rispondono perfettamente all’esigenza. In questo caso non percorrerete la UT-9 nel viaggio verso Bryce.

Quanto tempo per visitare Zion?

zion cosa vederePartiamo da un dato: per visitare Zion in modo esauriente e godersi al massimo tutte le sue bellezze (panorami e sentieri) occorrono giorni, non ore!  Tuttavia, spesso nei viaggi on the road purtroppo non si dispone di tutto questo tempo. In questi casi, per una visita soddisfacente della sezione principale del parco (Zion Canyon) bisogna mettere in conto non meno di mezza giornata.

In teoria, potete cavarvela anche in 3 ore, ma più tempo passerete sui sentieri, maggiore sarà la soddisfazione. Bisogna tenere conto che da aprile a fine ottobre occorre utilizzare lo shuttle per muoversi nel parco, il che limita l’indipendenza degli spostamenti e può allungare ulteriormente i tempi.

Chi voglia visitare sia Zion Canyon che Kolob Canyons dovrà invece mettere in conto l’intera giornata o poco meno, a seconda della tappa successiva.

Come muoversi: navette e strade panoramiche

Come avrete capito, questo punto è piuttosto importante: come spostarsi all’interno del parco? 

Zion Canyon Scenic Drive

zion scenic drive
Scenic Drive

Cominciamo con Zion Canyon. Questa sezione ospita la strada panoramica Zion Canyon Scenic Drive di 10 km, lungo la quale partono tutti i sentieri principali del parco. Come anticipato, nei mesi di bassa stagione potrete tranquillamente percorrerla in autonomia con la vostra auto a noleggio. Per imboccarla, vi basterà arrivare a Canyon Junction e lasciare la UT-9 in corrispondenza del bivio (vedi qui per le coordinate), a due passi dal ponte sul Virgin River.

Da aprile a fine ottobre, invece, non potrete percorrere la strada in auto. Dovrete invece utilizzare il servizio di shuttle gratuito in partenza dallo Zion Canyon Visitor Center: lo shuttle opera 9 fermate lungo la Zion Canyon Scenic Drive, e ciascuna funge da punto riferimento per vari sentieri.

Zion Canyon Shuttle

zion shuttleGli Zion Canyon Shuttle partono dal Visitor Center ogni 7-10 minuti nei mesi di alta stagione e impiegano circa 40 minuti a coprire l’intera distanza fino all’ultima fermata (Temple of Sinawava), da dove inizia il Riverside Walk, che conduce poi al famoso The Narrows. Oltre a questa, le fermate principali sono Zion Lodge, The Grotto, Weeping Rock e Big Bend.

La frequenza degli shuttle e l’ora di inizio del servizio variano di mese in mese, quindi verificate qui ogni aggiornamento.

La scenic drive in bicicletta
Prima di entrare al Visitor Center potrete anche noleggiare una bicicletta da Zion Outfitters o da altri noleggiatori di Springdale per percorrere la Zion Canyon Scenic Drive su due ruote: sicuramente un’opzione valida per i più sportivi.

Dove parcheggiare?

Nei dintorni del Visitor Center c’è un parcheggio gratuito, che però si riempie molto rapidamente al mattino: potete verificare voi stessi il numero di posti disponibili sui tabelloni elettronici lungo la strada, vicino al casello della West Entrance (Springdale). Cosa fare nel caso molto probabile in cui troviate il parcheggio pieno? Le opzioni sono tre:

  • tornate più tardi, continuando a girare finché non trovate posto.
  • vi allontanate dal Visitor Center cercando posto tra le strade di Springdale, dove però gran parte dei parcheggi è a pagamento.
  • se avete fissato un hotel a Springdale, potete chiedere al personale se potete lasciare l’auto nel parcheggio della struttura. Solitamente vengono lasciati liberi alcuni posti per gli ospiti che non vogliono spostare l’auto (per esperienza, almeno allo Zion Park Motel funziona così!).

Springdale Shuttle

Okay, facciamo che avete dovuto lasciare l’auto al parcheggio dell’hotel o avete trovato parcheggio a Springdale. In ambedue i casi potreste trovarvi un bel po’ lontani dal Visitor Center! Niente paura: esiste lo Springdale Shuttle che, gratuitamente, opera 9 fermate lungo tutta l’estensione di Springdale sulla UT-9 fino al Visitor Center. Il capolinea a sud è Majestic View Lodge: ci vogliono circa 10-15 minuti per arrivare da qui al Visitor Center.

Anche in questo caso la frequenza degli shuttle è di 7-10 minuti nel periodo di alta stagione, ma è variabile mese per mese.

Portatevi dietro il biglietto o la tessera!

Generalmente per entrare in uno dei parchi nazionali americani basta acquistare il biglietto o presentare la tessera parchi al casello, dopodiché il titolo d’ingresso non è più richiesto. Di solito nessuno si porta dietro la tessera per fare un sentiero: viene piuttosto lasciata in macchina.

Bene, questo non vale per Zion perché, come avrete capito, è possibile arrivare al Visitor Center anche a piedi o con lo Springfield Shuttle. Per questa ragione, non potendo stabilire se avete già presentato il titolo d’ingresso, i ranger al Visitor Center chiedono il titolo d’ingresso a chiunque. Portatevela dietro perché, anche se gli spiegate che l’avete lasciata in macchina (come abbiamo fatto noi), potrebbero essere fiscali e farvi ripagare l’ingresso. A noi non è successo, la ranger è stata comprensiva, ma è bene arrivare preparati.

Le altre strade panoramiche

mount carmel highway
Zion-Mt. Carmel Junction Highway

Anche la Zion-Mt. Carmel Junction Highway è di fatto una strada panoramica di Zion National Park. Come tale, è a pagamento per chiunque percorra la UT-9 venendo da un senso o dall’altro. A meno di chiusure improvvise, questa strada può essere percorsa tutto l’anno autonomamente con il proprio mezzo. Per saperne di più rimando al nostro approfondimento.

kolob canyons
kolob canyons

La Kolob Canyons Road può essere percorsa tutto l’anno con la propria auto, occorre però passare dal Visitor Center (ben indicato dopo l’uscita dell’autostrada al bivio con Kolob Canyon Road) per mostrare il titolo d’ingresso prima di percorrerla fino in cima, dove si trova il bellissimo punto panoramico sui canyon.

Cosa vedere: sentieri, panorami e altre attività

Ecco quali sono le attività da fare nelle tre aree in cui è suddiviso il parco di Zion.

Zion Canyon

zion canyonZion Canyon è la sezione principale del parco. Viene attraversato dall’omonima scenic drive che – lungo i suoi 10 km da percorrere comodamente seduti sullo shuttle o in auto – offre panorami molto belli sulle montagne del parco e, tra le altre cose, anche un museo. Tuttavia, chi visita Zion – piuttosto che visitare una mostra – sarà decisamente impaziente di vedere con i propri occhi le bellezze naturali del parco. La maggior parte dei sentieri più belli e famosi si trova lungo la Zion Canyon Scenic Drive, quindi prendete nota delle caratteristiche dell’escursione e della fermata alla quale scendere dallo shuttle.

Angels Landing

angels landingQuesta è forse l’escursione più celebre di Zion National Park, nonché tra le più difficili e faticose: si tratta di un sentiero di 8.7 km (andata e ritorno) che presenta un dislivello totale di 497 mt. Il traguardo è un punto panoramico eccezionale su Zion Canyon, ma mai come in questo caso è valido il detto per cui le cose belle bisogna sudarsele. L’ultima parte del sentiero, inoltre, è nota per essere abbastanza pericolosa e decisamente inadatta a chi soffre di vertigini. Abbiamo dedicato un approfondimento a questa escursione, se volete saperne di più potete leggere la nostra guida a Angels Landing.

  • Fermata dello shuttle: The Grotto

Riverside Walk

river walk 02Questa è un’escursione che possono fare davvero tutti, e infatti è consigliata per chi ha deciso di visitare il parco con i bambini. La caratteristica più interessante di questo facile sentiero asfaltato è che si snoda pianeggiante lungo il fiume, nel tratto in cui lo Zion Canyon comincia progressivamente a restringersi fino all’ingresso di The Narrows, un’escursione totalmente differente di cui parlerò a breve.

La lunghezza di questo sentiero è di 3.5 km (andata e ritorno) e non presenta nessuna difficoltà tecnica. In vari punti lungo il tragitto è possibile allontanarsi brevemente dal sentiero per scendere lungo il fiume e godersi il panorama circostante da una posizione privilegiata. Quando l’ho fatto in autunno abbiamo incontrato anche cervi muli e scoiattoli che attraversavano tranquillamente il sentiero: un divertimento per tutti, grandi e piccini!

  • Fermata dello shuttle: Temple of Sinawava

The Narrows

zion-narrows-01Come dicevo, da Temple of Sinawava in poi il canyon comincia gradualmente a restringersi. Il Riverside Walk appena descritto conduce infatti all’inizio di The Narrows, una celebre escursione da fare a mollo nel fiume, dentro le strette gole scavate dal Virgin River, percorribile in due sensi (Bottom Up e Top Down). Dal momento che si tratta di una delle attività più belle e impegnative da fare nel parco di Zion, abbiamo pensato di dedicare un intero approfondimento a The Narrows. Buona lettura!

  • Fermata dello shuttle: Temple of Sinawava

Weeping Rock Trail

Weeping Rock TrailWeeping Rock Trail è un’altra escursione abbastanza popolare che può offrire un bel panorama con il minimo sforzo. Si svolge tutta su un sentiero asfaltato in leggera pendenza (30 mt di dislivello totale), abbastanza ombreggiato: il punto di arrivo è una suggestiva nicchia naturale affacciata su una sezione del canyon. La lunghezza totale del sentiero è di mezzo chilometro, quindi ve la caverete in una mezz’ora.

  • Fermata dello shuttle: Weeping Rock
Attenzione!
Al momento attuale (dicembre 2019) la fermata dello shuttle Weeping Rock è stata soppressa e tutti i sentieri corrispondenti (Weeping Rock Trail compreso), a causa di una valanga.

Upper e Lower Emerald Pools

zion emerald poolsInsieme a Weeping Rock Trail e Riverside Walk, questa è considerata una delle escursioni facili più battute del parco. Occorre meno di un’ora per percorrere il sentiero asfaltato di 2 km (andata e ritorno) delle Lower Emerald Pools: lo stradello conduce a una graziosa piscina naturale, nei pressi di una piccola cascata all’ombra di una nicchia sulla quale giganteggiano cime rosse che cingono il canyon. Il dislivello di questo sentiero è praticamente irrisorio (35 mt), ma chi ha voglia di salire ancora può continuare verso le Upper Emerald Pools, seguendo la connessione tra Lower Emerald Pools e Kayenta Trail. Quest’ultimo sentiero permette anche di raggiungere la fermata di The Grotto, nonché l’attacco di Angels Landing.

Attenzione! Non è possibile fare il bagno nelle piscine.

  • Fermata dello shuttle: Zion Lodge; The Grotto via Kayenta Trail

Zion Human History Museum

zion museumPer milioni di anni questo parco è rimasto deserto. Solo quasi 12.000 anni fa accolse i suoi primi abitanti, di cui rimangono tracce ancora oggi. Per questo ed altri motivi, vale la pena visitare lo Zion Human History Museum, una museo che offre contributi video e interessanti esposizioni sulle particolarità geologiche del parco, con approfondimenti sulle varie civiltà che lo hanno abitato, dai nativi ai pionieri.

    • Fermata dello shuttle: Museum

Zion Mount Carmel Highway

La Zion Mount Carmel Highway fa parte di Zion National Park ma, per essere precisi, non è all’interno dello Zion Canyon. Se guardate l’immagine sottostante, potrete vedere come questa splendida strada panoramica si snodi all’interno di un canyon secondario sul lato orientale che incontra lo Zion Canyon all’altezza di Canyon Junction. Questa gola è stata scavata dal Pine Creek, che è a tutti gli effetti un affluente del Virgin River.

zion-canyon-cosa-vedere

L’esperienza migliore che si possa fare da questo lato del parco è chiaramente guidare: lo farete lungo una serie di sinuosi tornanti, finché non incontrerete l’esaltante The Zion-Mount Carmel Tunnel. Vi si pareranno poi di fronte formazioni rocciose imponenti in un contesto paesaggistico notevole, una su tutte la Checkerboard Mesa. E non finisce qui: fatevi un’idea leggendo l’articolo che abbiamo dedicato alla UT-9.

L’on the road non è però l’unica cosa che si può fare nel canyon scavato dal Pine Creek. C’è infatti un sentiero che mi sento di consigliare personalmente, e che vado subito a descrivere.

Canyon Overlook Trail

vista zion mount carmel highwayQuesto sentiero permette di raggiungere uno splendido punto di osservazione sul tratto più tortuoso della Zion Mount Carmel Highway e sull’immenso panorama di Canyon Junction, nel punto in cui lo Zion Canyon incontra il Pine Creek Canyon. Le foto che potrete scattare da qui diventeranno tra le vostre preferite, quindi prendete nota!

Venendo da Springdale, non appena uscirete dal tunnel, vedrete un parcheggio sulla destra: dall’altro lato della strada si trova l’attacco del sentiero. Ci sono pochissimi posti disponibili, quindi è bene arrivare presto al mattino per avere più probabilità di trovare un parcheggio. Potreste anche cercare un posto nello spiazzo che si trova un poco più avanti sulla sinistra, anche se in teoria l’indicazione sarebbe “right-turn only”. In ogni caso, l’escursione verso Canyon Overlook è breve e il viavai di auto è abbastanza frequente, quindi potete anche aspettare un po’ che si liberi un posto.

L’escursione  si svolge su un sentiero breve ma abbastanza ripido: dovrete affrontare un’elevazione di 135 mt in appena 800 mt di camminata, passando anche su una breve e sicura passerella di legno. Il panorama finale dall’alto del Canyon Overlook Trail e all’ombra dell’East Temple sarà la giusta ricompensa… non ve ne pentirete! Lungo il tragitto vedrete dall’alto anche il Pine Creek Gorge, uno strettissimo canyon che può essere esplorato con un’escursione molto tecnica (richiede attrezzatura professionistica e abilità da torrentista), svolgendosi per lunghi tratti in acqua.

Zion Observation Point

Observation Point ZionTrovandosi ad un’altitudine di 1987 mt, lo Zion Observation Point offre uno dei panorami più incredibili di Zion Canyon, probabilmente il più bello; bisogna però aggiungere che è anche uno dei più faticosi da raggiungere, forse anche più del famigerato Angels Landing. Non tutti sanno però che è possibile raggiungerlo in un modo un po’ più comodo, seguendo un sentiero perlopiù pianeggiante che parte dal lato est del parco. Per raggiungere questo sentiero occorre percorrere la Zion Mt. Carmel Highway. Per saperne di più leggi la nostra guida allo Zion Observation Point.

Kolob Canyons

kolob canyonsSituata a nord-ovest dello Zion Canyon, questa è la sezione di Zion National Park meno conosciuta in assoluto, ma è anche quella che può darvi le maggiori soddisfazioni nel minor tempo possibile. Praticamente vi basterà percorrere i pochi chilometri della Kolob Canyon Road per arrivare al Kolob Viewpoint, un punto panoramico eccezionale sui canyon e le montagne di roccia rossa di tutta la zona. La strada panoramica è molto bella, e vi succederà spesso di fermarvi prima di arrivare in cima per fare delle foto e osservare i panorami circostanti. Ci sono anche un paio di sentieri che possono essere fatti nei Kolob Canyons.

  • Timber Creek Overlook: un breve sentiero (1.6 km andata e ritorno) in partenza dal parcheggio del Kolob Viewpoint conduce a un altro punto di osservazione ancora più esposto sulla valle del Timber Creek.
  • Taylor Canyon: decisamente più impegnativo questo sentiero che scende dal livello della strada e si inoltra nel cuore del Taylor Canyon. L’attacco del sentiero è qui, in corrispondenza di una piazzola a 3.4 km dal Visitor Center. Dovrete camminare per 8 km (andata e ritorno) su un dislivello di appena 137 mt.
Kolob Terrace Road e Smith Mesa Road
Nel nostro articolo sulla UT-9 abbiamo parlato anche di queste due strade panoramiche, pressoché sconosciute ai turisti. Kolob Terrace Road si snoda anche all’interno dei confini del parco (ma è gratuita) e offre belle viste sul lato occidentale dello Zion canyon; Smith Mesa Road è un’avventurosa strada sterrata che permette invece di vedere all’orizzonte sia Zion Canyon che Kolob Canyons: non c’è altro modo di avere questa particolare prospettiva!

Dove dormire per visitare il parco

Zion dove dormire
Avrete senza dubbio compreso come non sia proprio banale organizzare una visita del parco. Lo stesso può valere per il pernottamento! Dal momento che occorre tenere conto di molti fattori, vi rimando al nostro articolo interamente dedicato al tema “dove dormire a Zion”. Troverete consigli mirati per l’alloggio vicino a Zion Canyon e Kolob Canyons, nonché suggerimenti per chi deve scegliere una cittadina in base alla tappa successiva.

I nostri consigli per dormire a Zion

Tour organizzati allo Zion National Park

zion tourEsiste la possibilità di visitare Zion National Park anche con tour organizzati. La maggior parte partono da Las Vegas e Salt Lake City e alcuni pacchetti permetto di abbinare allo Zion Park tour la visita di altri parchi. Nella lista sotto trovate alcuni fra i più interessanti:

Tour di tutti i parchi dello Utah

Bellezze nei dintorni di Zion

Il confine tra lo Utah meridionale e l’Arizona è davvero un’area meravigliosa da esplorare, per cui, avendo qualche giorno a disposizione, un’idea potrebbe essere quella di  fare base da queste parti (Kanab è la scelta migliore, ma va bene anche la stessa Springdale) per visitare tutti i parchi naturali e le perle nascoste dei dintorni. Ecco quali sono i più interessanti e a che distanza si trovano da Zion National Park:

  • Bryce Canyon: l’accoppiata Zion-Bryce è un grande classico. Data la relativa vicinanza, molti viaggiatori vogliono visitarli nello stesso giorno (è un errore molto comune), ma la cosa migliore da fare è dedicare un giorno a uno e un giorno all’altro. La conformazione geologica del Bryce è completamente diversa da Zion: non è un canyon ma un anfiteatro naturale nel quale va in scena uno spettacolo unico. I cosiddetti Hoodoos ne sono i protagonisti: altissimi pinnacoli di roccia rossa lavorata dagli agenti naturali e scolpita dall’acqua. La distanza tra Zion e Bryce è di circa 122 km (tramite la panoramica UT-9) oppure 230 km (tramite la più veloce I-15).
  • Grand Canyon North Rimè il versante meno conosciuto del famosissimo Grand Canyon, nonché il meno battuto. Questa caratteristica incoraggia tutti coloro che vogliono vedere l’incredibile parco nazionale dell’Arizona senza l’onnipresente calca di turisti che nei periodi di alta stagione si ammassa sul crinale del versante meridionale e sui vari punti panoramici. L’unico limite è stagionale: alla prima nevicata, il North Rim chiude e riapre a primavera inoltrata. La distanza tra Zion National Park e il visitor center del Grand Canyon North Rim è di 195 km.
  • Cedar Breaks National Monumentse dopo lo Zion sei diretto verso nord (Salt Lake City), oppure se hai deciso di arrivare al Bryce tramite la UT-14, puoi raggiungere anche il Cedar Breaks National Monument. Lo spettacolo che devi aspettarti è però abbastanza simile al Bryce Canyon stesso: una serie di punti panoramici sopraelevati che si affacciano su un anfiteatro di hoodoos, con i boschi e le valli verdeggianti della High Mountain in lontananza. Anche in questo caso attenzione alla stagionalità: la UT-148, strada panoramica che conduce al Cedar Breaks, è chiusa da novembre a maggio. La distanza tra i due parchi è di 130 km circa.
  • Vermilion Cliffs National Monumentquesto selvaggio e remoto parco naturale, accessibile soltanto con un 4×4, è  il sogno proibito di tanti appassionati degli on the road in USA più selvaggi. Il motivo principale? Il National Monument in questione cela il misterioso The Wave, formazione rocciosa di arenaria visitabile soltanto in seguito alla vincita di una lotteria (non è un modo dire, per saperne di più leggi qui). L’onda di rocce non è l’unico motivo per cui vale la pena visitare il Vermilion Cliffs: l’importante è essere consapevoli che un tour da queste parti richiede una certa preparazione tecnica, un veicolo adeguato e un po’ di tempo a disposizione. Da Zion National Park all’ingresso nord del parco ci sono 140 km circa.
  • Coral Pink Sand Dunes State Parkquesto state park dello Utah è di dimensioni ridotte e si trova più vicino rispetto ai parchi e monumenti nazionali citati. Per chi sceglie di pernottare a Kanab o Mount Carmel Junction, è un’escursione consigliata molto semplice da fare. La caratteristica del Coral Pink Sand Dunes è proprio il colore rosato delle dune di sabbia, createsi per l’effetto dell’erosione delle rocce rosse della zona (Navajo Sandstone). La distanza tra lo Zion e il Coral Pink Sand Dunes è di “appena” 63 km.
  • Sand Hollow State Parktra i numerosi siti di interesse naturale che si trovano nei dintorni di St. George, questo è il più vicino allo Zion e può essere visitato senza troppa fatica deviando dalla UT-9. Chi non vede l’ora di visitare Lake Powell, potrà rintracciare in questo parco statale alcune delle sue caratteristiche: una bella distesa d’acqua nella quale si specchiano placidamente le formazioni rocciose tipiche dello Utah. Il Sand Hollow State Park si trova 52 km a ovest dello Zion National Park.
  • Page e dintorniper comodità, segnalo la cittadina che fa da punto strategico di riferimento per le innumerevoli attrazioni naturali della zona. Nell’articolo su Page, troverai informazioni e consigli su come visitare bellezze quali Lake Powell, Antelope Canyon, Horseshoe Bend. In realtà, spesso, per ragioni di itinerario conviene pernottare a Page allontanandosi quindi da Zion, ma la distanza è breve (da Zion a Page ci sono 185 km) e merita una menzione in questo paragrafo.

Pronti all’avventura? Video del parco


Un Consiglio Importante: Ricordati l'assicurazione sanitaria, non farla potrebbe rovinarti la vacanza in USA! Se non sai come orientarti nella scelta puoi leggere la nostra guida: Assicurazione USA: come scegliere la polizza migliore?


lorenzo puliti
lorenzo puliti

Affascinato dagli States fin da piccolo ho poi scoperto che c'era molto altro da scoprire... e da lì non ho più smesso

Leggi prima di lasciare un commento

I commenti inviati vengono posti in fase di moderazione, quindi non preoccuparti se il tuo commento non viene pubblicato subito. Cerchiamo di rispondere a tutti entro il giorno lavorativo successivo a quello in cui viene inviato il commento (non il sabato e la domenica), compatibilmente con il tempo a disposizione e il numero di commenti, spesso molto elevato. Prima di scrivere un commento ti consigliamo di leggere queste brevi linee guida, per capire qual è il tipo di aiuto che possiamo darti e in quale forma.

72 commenti su “Zion National Park cosa vedere e come programmare un tour”

  1. Ciao e ulteriori complimenti per come è strutturato il sito, veramente utile..
    tra 3/4 settimane pernotterò un paio di notti a Kanab con la famiglia (3 adulti) per visitare lo Zion e il Bryce canyon; quando parli di "scarpe da acqua" esattamente cosa si intende? Vorrei delle dritte per cosa (qualsiasi utilità) portare e mettere in auto...
    Grazie anticipatamente e buona giornata a tutti!

    Rispondi
    • Ciao Andrea, immagino tu ti riferisca all'abbigliamento necessario all'escursione The Narrows di Zion, e più precisamente alla parte nel Virgin River. In quel caso occorrerà avere scarpe impermeabili perché la seconda parte del sentiero si svolge in acqua e ci si bagna.


      itinerari viaggi-usa

      Vuoi fare un viaggio in America ma non hai tempo di organizzarlo? Scopri i nostri itinerari ebook pronti all'uso

      Rispondi
  2. Ciao a tutti , riuscite a dirmi a che altitudine si trovano più o meno la ZION MOUNT CARMEL HIGHWAY e la ZION CANYON SCENIC DRIVE. Grazie

    Rispondi
  3. Ciao, stiamo organizzando il nostro viaggio in America, fine giugno inizio luglio. Partiamo da San Francisco e dopo il giro di diversi parchi e aver dormito all’ interno del Grand Canyon avremo ancora 2 notti a disposizione per raggiungere Los Angeles. Mi piacerebbe vedere il Meteor Crater e lo Joshua Three (oppure mi consigli altro?). Che tappe mi consiglieresti, in modo da dividere il viaggio è riuscire ancora a vedere cose meravigliose. Grazie x gli ottimi consigli letti finora nel sito Michela

    Rispondi
    • Ciao Michela, dopo il secondo pernottamento nel parco, insieme o in alternativa al Meteor Crater, potresti visitare la zona di Sedona, pernottando poi in direzione ovest verso il Joshua Tree (Williams va bene, ma sarebbe meglio Kingman). Il giorno dopo raggiungi il Joshua Tree e pernotti in zona Palm Spring prima di ripartire per Los Angeles. In alternativa a queste opzioni, leggi anche l'opzione proposta in questo articolo.


      itinerari viaggi-usa

      Vuoi fare un viaggio in America ma non hai tempo di organizzarlo? Scopri i nostri itinerari ebook pronti all'uso

      Rispondi
      • Ciao Bernardo, grazie mille x la tua velocissima risposta. Ora mi guarderò con calma tutti i suggerimenti, magari ti chiederò altre info. Ora... dopo aver letto cosa si può trovare nel deserto dello Joshua... mah non so... ragni e serpenti non sono proprio i miei preferiti... e nemmeno dei ragazzi .. anche se in realtà la nostra intenzione era quella di attraversarlo in auto con piccole soste. Grazie ancora Michela.

        Rispondi
  4. Ciao Bernardo, complimenti per il sito. Una domanda su Zion ed in particolare su Bottom-Up Zion Narrows Hike. Dal Riverside Walk a Wall Street ci si bagna nel senso che gli stivali sono sufficienti o l'acqua può essere anche più alta? Al Visitor Center, che tu sappia, affittano gli stivali?

    Rispondi
    • Ciao Roberto, dipende dalla condizioni giornaliere del canyon e dall'altezza di ogni singolo escursionista (ovviamente 🙂 ), però ci si può bagnare anche fino alla pancia. Ti consiglio di informarti dai rangers all'arrivo per capire quanto è alta l'acqua. Ti confermo che è possibile noleggiare l'attrezzatura in zona, ma se andrai in estate ti consiglio di valutare le scarpe invece che gli stivali, per non soffrire troppo il caldo.


      itinerari viaggi-usa

      Vuoi fare un viaggio in America ma non hai tempo di organizzarlo? Scopri i nostri itinerari ebook pronti all'uso

      Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

AMERICAN DREAM ROUTES
Dove dormire a Monument Valley

Viaggi-USA Newsletter

I nostri consigli di viaggio e le migliori offerte USA per email...