Washington DC

A cura di

Prenota il tuo viaggio

AssicurazioneHotelVoliNoleggio AutoAttivitàPass

Leggi la nostra guida e tabella di comparazione fra le migliori assicurazioni sanitarie USA:

Assicurazione Sanitaria per Viaggio negli USA

Booking.com

Leggi anche i nostri consigli su dove dormire a Washington DC

Leggi anche i nostri consigli su come prenotare un volo

Leggi anche i nostri consigli su come noleggiare un'auto

Le più popolari attività e visite guidate in città:

Attività e Tour Guidati a Washington

Come in tutte le grandi città turistiche anche a Washington sono disponibili i city pass per risparmiare in caso si visitino molteplici attrazioni.

Washington DC Sightseeing Pass

Washington DC Guida di Viaggio

Indice

Washington DC: informazioni generali


In nessuna città si respira l’impeto dell’ideale americano come nella capitale degli USA. Monumenti, memoriali, musei, parchi, tutto qui parla dell’orgoglio che questa nazione ha per la propria storia. In questa guida di viaggio a Washington DC troverete consigli su cosa fare, dove dormire, dove mangiare e molto altro…

Dove si trova Washington DC?

Washington DC, capitale degli Stati Uniti d’America, si trova sulla East Coast, nella cosiddetta Capital Region (all’interno della regione del Mid Atlantic), nel Distretto di Columbia (D.C.), sulle rive est del fiume Potomac e confina con la Virginia e con il Maryland. Il Distretto di Columbia non rientra in nessuno degli stati americani, proprio per impedire che quest’ultimi possano esercitare pressioni sul potere federale. Sebbene il distretto coincida sia territorialmente che politicamente con la città, l’area metropolitana di Washington si estende in realtà oltre i suoi confini, comprendendo contee e cittadine della Virginia e del Maryland. 

Breve storia di Washington DC

In origine, prima che i conquistatori europei si impadronissero della zona, l’area intorno al fiume Potomac era abitata dalla popolazione endemica dei Conoy (o Piscataway). Con l’arrivo dei conquistatori, la tribù diede vita ad accese battaglie che terminarono con il loro spostamento e insediamento in un’altra area nei pressi di Points of Rock, nel Maryland. Per contro, la tribù dei Nacotchtank, più piccola rispetto a quella dei Conoy, che abitava nei pressi di quella che diventerà la città di Washington DC, continuò ad abitare la zona intorno al fiume Anacostia, mantenendo il proprio insediamento originario.

A differenza di altre città americane, Washington assunse la denominazione di Distretto e divenne la sede del governo degli USA grazie al famoso “Compromesso del 1790“, atto firmato e voluto da James Madison, Alexander Hamilton e Thomas Jefferson. In cambio del pagamento, da parte di ogni stato, dei debiti contratti durante la Guerra di Indipendenza Americana, la capitale degli Stati Uniti d’America sarebbe stata fondata in uno stato meridionale. Ed ecco quindi che Washington DC assunse quel ruolo, nel 1790, e la sua esatta posizione venne scelta da George Washington.

Origine del nome

La città prende il nome da George Washington, Padre fondatore degli Stati Uniti d’America e primo Presidente dell’Unione. D.C. sta, come già detto, per District of Columbia.

Quanto è grande la città di Washington DC?

La città non è enorme e si sviluppa su di una superficie complessivamente pari a 177 chilometri quadrati, dei quali 158 terrestri e poco più di 18 chilometri quadrati acquatici.

Principali zone e quartieri di Washington DC

Capitale degli Stati Uniti d’America, Washington DC è anche una delle città più belle, storicamente e culturalmente parlando. I suoi quartieri raccontano, con garbo ed eleganza, di un passato glorioso, talvolta anche un po’ brutale, magnetico e irresistibile. Passeggiare per le zone della città consente di respirarne la bellezza, ma anche di immergersi in una delle pietre miliari della storia americana. Qui vi segnalo quali sono le aree da non perdere.

Capitol Hill

È uno dei quartieri storici della città, dimora del Governo degli USA, che ospita il Campidoglio, edificio in stile neoclassico sede della Camera dei Rappresentanti e del Senato, la Corte Suprema e la Biblioteca del Congresso. Balzato di recente agli onori della cronaca per l’assalto avvenuto nel gennaio del 2021, il Campidoglio è una delle attrazioni del quartiere di Capitol Hill, ma non è l’unica. Tra le bellezze tutte da scoprire ci sono anche la già citata Library of Congress, la Folger Shakespeare Library e Union Station.

Lungo Pennsylvania Avenue si trovano numerosi ristoranti, bar e il famoso Eastern Market, mercatino in cui scovare, anche, frutta e verdure freschissime, oggetti di artigianato, saponette fatte a mano, prodotti degli agricoltori locali e ottimi piatti per un pranzo veloce. Il quartiere di Capitol Hill è per lo più residenziale, punteggiato da bellissime case in stile vittoriano, chiesette e romantiche strade alberate. Da non perdere, qui, anche la Marine Barracks, progettata da Thomas Jefferson.

Downtown – Penn Quarter e Chinatown

Downtown (composta di vari sotto-quartieri come Penn Quarter e Chinatown) è ricca di uffici federali ma anche di interessanti attrazioni, proposte mondane e commerciali: vi si trova ad esempio il centro commerciale CityCenterDC, ribattezzato anche la Rodeo Drive di Washington DC, la Capital One Arena, dove giocano i Wizards e i Capitals, la zona di Chinatown, suggestiva e colorata, il Ford’s Theatre dove venne ucciso il presidente Lincoln e alcuni musei molto interessanti come il National Geographic Museum, la National Portrait Gallery o il Planet Word. A sud del centro si estende l’immenso National Mall, con la Casa Bianca, il tempio del Lincoln Memorial, il Jefferson Memorial, moltissimi altri memoriali e musei.

Dupont Circle

Quartiere vivace e molto frequentato, sia di giorno che la sera, Dupont Circle è ricco di spot da tenere a mente. Dai negozi di cioccolato (sì, avete capito bene, boutique di deliziose creazioni a base di cacao…) agli store di dischi, dalle librerie (alcune aperte tutta la notte!) ai coffee shop. E poi ancora tantissimi ristoranti, prestigiose gallerie d’arte e musei. È il quartiere più arcobaleno di tutta Washington DC per tradizione: vi si tiene ogni anno, infatti, l’High Heel Drag Queen Race (il martedì prima di Halloween) e la Capital Pride Parade (organizzata a giugno).

Cleveland Park & Woodley Park

Situati nella zona a nord-ovest della città, questi parchi cittadini offrono sentieri ombreggiati da percorrere in mezzo alla natura che costeggiano case antiche, con romantici e storici portici. È proprio qui che troverete, anche, il National Zoological Park, oltre a tanti ristorantini in cui sostare per pause golose e bar dove provare, almeno una volta, il tipico brunch della domenica.

Foggy Bottom & West End

Foggy Bottom è l’area che si estende a sud di Pennsylvania Avenue. Nata come zona industriale della città, prese il nome proprio dalle esalazioni fumose che scaturivano dai depositi di carbone e dalle fabbriche di gas che vi sorgevano. Oggi Foggy Bottom è conosciuta per i suoi hotel a cinque stelle, per il JFK Center for Performing Arts e per il vicino Arlington Memorial Bridge. Se siete appassionati di bici e sentieri da percorrere a piedi, a Foggy Bottom troverete anche il Rock Creek Park che si snoda lungo il fiume Potomac. Di notte, il quartiere si vive nei whiskey bar e nelle numerose birrerie. Nel cosiddetto West End trovano dimora spot interessanti come la George Washington University, piccoli ma deliziosi hotel, bar e ristoranti.

Georgetown

Georgetown ha la tipica vitalità dei quartieri universitari, con ristoranti, locali, negozi e gallerie d’arte, ma il quartiere affascina soprattutto con le sue stradine pittoresche dai mattoncini rossi, le case colorate, i vicoli pieni di storia e le aristocratiche ville ottocentesche. Dopo aver esplorate le sue strade eleganti e curate non mancate di fare un salto al Georgetown Waterfront Park e di provare uno dei ristoranti che hanno sede qui. Tra i locali che vi suggerisco c’è sicuramente il Georgetown Cupcake, pasticceria rinomata anche tra le celebrity. Per una guida dettagliate leggete il nostro articolo su Georgetown a Washington.

Southwest Waterfront

Questa zona è situata lungo il Washington Channel e le case che la caratterizzano sono in tipico stile settecentesco, ma se ne trovano anche di moderne. Senza dubbio uno dei quartieri più storici della capitale, vi si trovano numerose attrazioni molto amate dai turisti (e dalla popolazione locale) come la Gangplank Marina at The Wharf, dalla quale partire per crociere lungo il canale, l’International Spy Museum, l’Arena Stage e molti ristoranti e locali.

H Street NE

Quartiere situato nella zona est di Washington, H Street NE è un variopinto insieme di casette a schiera, i cui muri sono stati impreziositi da murales che sono vere e proprie opere d’arte. Per chi è alla ricerca di spettacoli e atmosfere scintillanti, questa è la zona da non perdere. Dalle performance all’Atlas Performing Arts Center all’annuale e variopinto evento H Street Festival, qui c’è sempre qualcosa di divertente da fare. Ma soprattutto, questa zona è ricca di opzioni tra cui scegliere se si ha fame: bar, ristoranti, pub, locali multi-etnici, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Infine, vi segnalo che è molto caratteristico l’H Street Farmers Market, il mercato di prodotti locali (e non) che nel 2022 compie 25 anni di attività.

Logan Circle

Logan Circle è un perfetto mix di moderno e antico, con edifici di fine Novecento che convivono con imponenti ed eleganti ville in stile edoardiano. Il quartiere si trova nella zona centrale della città e una delle sue attrazioni principali è la 14th Street NW, lungo la quale troverete ristoranti, negozi, bar, locali notturni. Molto ampia è anche l’offerta di cibo multi-etnico, con delizie danesi, malesi, basche e francesi.

Adams Morgan

Adams Morgan è uno dei quartieri più vivaci, da vivere soprattutto all’imbrunire. L’offerta di ristoranti e locali notturni è davvero vasta e diversificata. Che vogliate sorseggiare un cocktail o preferiate assaggiare piatti della cultura medio-orientale, etiope, messicana o giapponese, Adams Morgan ha la soluzione che fa per voi. Nella zona si trovano anche boutique vintage, negozietti di souvenir e fornitissime librerie, oltre al famoso D.C. Arts Center, in cui assistere a performance dal vivo.

Shaw

Altro quartiere storico di Washington D.C., a Shaw si ammirano splendidi edifici in mattoni di epoca vittoriana che convivono armonicamente con strutture industriali trasformate in appartamenti moderni e di lusso. Qui si trovano indirizzi storici della città come l’Howard Theatre e il Lincoln Theatre, oltre a ristoranti specializzati in cibo americano e messicano.

Quanti abitanti ha Washington DC?

In base al censimento ufficiale condotto nel 2020, nella città di Washington DC ci sono poco meno di 690.000 abitanti, posizionando il centro abitato al 20° posto nella graduatoria delle città più popolose degli Stati Uniti.

Clima di Washington DC

Il clima di Washington DC è oceanico, umido e subtropicale. Ciò significa che le estati sono calde e con un elevato tasso di umidità e le temperature possono toccare e talvolta anche superare il 30° C. Gli inverni, invece, sono piuttosto freddi, con le minime che si avvicinano agli 0° C, con possibilità di nevicate. Primavera e autunno, invece, sono praticamente sempre miti. Per maggiori dettagli leggete le nostra guida sul clima di Washington DC

Fuso Orario: Quante ore indietro sono a Washington DC?

Washington rientra nella fascia dell’Eastern Standard Time (UTC-5), ed è quindi indietro di 5 ore rispetto all’Italia.

Quali sono le Università di Washington DC?

Tra le migliori università di Washington DC, private e pubbliche, meritano una menzione le seguenti.

  • L’American University, privata, è un’università di ricerca fondata nel 1893, ma aperta ufficialmente agli studenti solo nei primi anni del 1910. L’ammissione è molto rigida e, tra i corsi di laurea proposti, l’università offre specializzazioni in comunicazione, business, arti e scienze, educazione.
  • Altro ateneo privato di ricerca è la Catholic University of America, università pontificia, fondata nel 1887 e approvata da Papa Leone XIII. I suoi campus si trovano nell’area soprannominata “Piccola Roma”, nel quartiere di Brookland. I corsi di laurea proposti sono numerosissimi e spaziano dall’architettura al diritto canonico, dall’ingegneria alla teologia, fino alla filosofia, solo per citarne alcuni.
  • Molto importante e famosa, poi, è la Gallaudet University, anch’essa privata, che è specializzata nel fornire un’istruzione di alto livello per studenti sordi o con handicap uditivi gravi. Fondata nel 1864, già all’epoca era frequentata da alunni sordi e ciechi, la struttura scolastica rimane unica al mondo per l’attenzione posta, sia a livello accademico che di accoglienza, nei confronti di studenti con disabilità di questo tipo. Ovviamente, le lingue ufficiali parlate nell’ateneo sono il linguaggio dei segni e l’inglese. Tra i corsi di laurea proposti ci sono le specializzazioni in business, arti visive e performance, psicologia.
  • Sempre di natura privata è la George Washington University fondata nel 1821 per volere dello stesso Washington. È una delle università più frequentate della città e propone corsi di specializzazione, per esempio, in amministrazione pubblica, giurisprudenza, relazioni internazionali, arti e scienze. Tra gli alunni famosi che hanno conseguito la laurea in questo ateneo vi ricordo Jacqueline Kennedy Onassis, Colin Powell, Alec Baldwin e David Lynch.
  • C’è poi la Howard University, ateneo storico nato con lo scopo di fornire un’educazione universitaria alla popolazione afro-americana. Aperta nel 1867, questa scuola è stata una delle poche, in America, ad accogliere sia studenti che studentesse, di qualsiasi razza essi fossero. Privata, la Howard University offre un totale di 120 corsi tra cui scegliere. I più famosi sono architettura, ingegneria, odontoiatria, belle arti, farmacia. Si sono laureati qui personaggi come Kamala Harris e Toni Morrison (premio Pulitzer e vincitore del Nobel per la letteratura), tra gli altri.
  • Inoltre, merita una menzione particolare il Corcoran School of the Arts and Design che è una delle scuole d’arte più antiche di tutto lo stato. Privata, venne fondata nel 1878 ed è ospitata all’interno della Corcoran Gallery of Art, proprio di fronte alla Casa Bianca. Frequentarne i suoi prestigiosi corsi significa entrare, di diritto, nell’Olimpo delle belle arti. Le specializzazioni comprendono, anche, foto-giornalismo, danza, musica, interior design, storia dell’arte e molto altro ancora. Alcuni dei suoi laureati famosi sono Jared Leto, David Lynch (sì, ha preso più di una laurea), Tara Donovan e Kerry Washington.
  • Per quanto riguarda le università pubbliche, infine, la migliore e più famosa è la University of the District of Columbia, uno degli atenei nati per fornire un’istruzione superiore anche alla popolazione afro-americana, fondato nel 1851. Tra i corsi proposti vi ricordo le lauree in pubblica amministrazione e business, in agricoltura, sostenibilità urbana e scienze ambientali, ingegneria e scienze applicate, giurisprudenza.
Quali sono i migliori musei di Washington DC?

Washington DC può essere considerato un enorme museo a cielo aperto. Ovunque si passeggi si respira la storia degli Stati Uniti d’America. Alcuni dei suoi musei sono, per altro, tra i più famosi e celebrati al mondo e, cosa da non sottovalutare, sono gratis!

  • Il National Museum of Natural History, per esempio, si trova sul National Mall ed è l’undicesimo museo più visitato al mondo, il primo nella categoria dei musei di storia naturale. Essendo parte dello Smithsonian Institution, l’ingresso è sempre gratuito ed è aperto 364 giorni all’anno. Al suo interno sono custoditi 145 milioni di reperti tra minerali, rocce, animali, meteoriti, resti umani, asteroidi e manufatti antichi.
  • Sempre parte dello Smithsonian è il National Museum of American History, che raccoglie testimonianze culturali, scientifiche, militari e politiche della storia americana. Sono conservate qui, tra le altre evidenze storiche, la bandiera Great Garrison che venne usata durante la Battaglia di Baltimora del 1812, un telescopio del XIX secolo, un’antica ambulanza della Croce Rossa oltre a numerosi oggetti provenienti da set cinematografici. Anche questo museo è aperto tutti i giorni, tranne che a Natale.
  • Molto interessante e altamente consigliato è il National Museum of the American Indian, un imperdibile spaccato sui nativi americani reso ancora più indimenticabile da raccolte di fotografie, oggetti, opere d’arte, decorazioni antiche, maschere votive. Anche qui, l’ingresso è gratuito e il polo museale è chiuso solo in giorno di Natale.
  • Stesso discorso vale per lo Smithsonian American Art Museum che custodisce una delle raccolte d’arte, dall’epoca coloniale ad oggi, più vasta di tutto il mondo. Tra le meraviglie ospitate si spazia dall’Età dell’Oro ai nativi americani, dal New Deal all’arte contemporanea.
  • Un altro museo molto conosciuto e apprezzato è la National Gallery of Art che, insieme al suo Giardino delle Sculture, rappresenta uno dei fiori all’occhiello della città di Washington DC. Costruito in stile neoclassico, il museo ospita opere d’arte europea e americana di artisti del calibro di, per citarne alcuni, Botticelli, Filippo Lippi, Leonardo da Vinci, Rodin, William Blake.
  • L’International Spy Museum, che svela i segreti più strani e impensati sulle tecniche di spionaggio attraverso documenti, strumenti, oggetti, film e video. Il museo è aperto tutti i giorni, con orari differenti. Vi suggerisco di consultare il sito ufficiale anche per acquistare i biglietti in anticipo.
  • C’è poi lo United States Holocaust Memorial Museum dedicato all’Olocausto. Si trova adiacente al National Mall e contiene al suo interno oltre 12.000 oggetti, 49 milioni di documenti, 85.000 fotografie storiche, liste di sopravvissuti e delle loro famiglie e testimonianze orali registrate. Il Museo dell’Olocausto di Washington DC è aperto tutti i giorni, tranne a Yom Kippur e Natale, dalle 10 alle 17.30, e l’ingresso è gratuito.
Quali sono le squadre di Washington DC?

Washington DC ha anche un’anima sportiva: è una delle 13 città degli Stati Uniti d’America ad avere squadre che giocano nelle quattro maggiori League sportive, oltre ad una squadra al femminile che milita nel campionato professionista.

  • Partendo dall’NBA, il team più famoso e seguito è quello dei Washington Wizards che giocano in casa nella Capital One Arena. Fondata nel 1961, la squadra vanta giocatori di primo piano tra cui Bradley Beal (e sappiate che ha militato in questo team anche Michael Jordan).
  • La squadra del Washington Capitals, fondata negli anni ’70, milita nel campionato professionistico di hockey su ghiaccio e gioca anche lei in casa nella Capital One Arena.
  • Per quanto riguarda il baseball, poi, la squadra che eccelle è quella dei Washington Nationals membro della National League che gioca in casa nello stadio National Park. Fondata nel 1969, la squadra è storicamente rivale dei Baltimore Orioles.
  • Vi segnalo i Washington Commanders che giocano nel campionato professionistico di football americano, e i D.C. United che invece giocano nel campionato di calcio.
  • Per quanto riguarda le squadre femminili, inoltre, Washington è casa del team delle Washington Mystics che militano nel WNBA (l’NBA femminile) e hanno un’ottima media di qualificazione ai Playoff.
Perché visitare Washington DC? Per cosa è famosa?

Washington DC ha moltissime ragioni per essere visitata: è la capitale degli Stati Uniti d’America e, quindi, è un po’ come visitare l’Italia e non vedere Roma… È qui che venne scritta una buona parte della storia del Paese; melting pot di culture, a Washington la cucina rispecchia il mix di popolazioni diverse che l’hanno eletta come loro dimora. Ma non solo. La città è ricca di musei interessanti e monumenti storici come, ad esempio, il Cimitero di Arlington, che si trova appena fuori dal centro cittadino e che ospita le tombe del presidente J.F. Kennedy e quella del milite ignoto, il Campidoglio, la Casa Bianca e il Lincoln Memorial. I principali monumenti, musei e memoriali della città si trovano nei National Mall, un parco sterminato che rappresenta il simbolo e attrazione principale della città.

La città, infine, è un enorme polmone verde grazie ai tanti, curati parchi cittadini che nelle ore più calde della giornata riescono a regalare un po’ di refrigerio. Va anche sottolineato, poi, che Washington DC è una delle città americane in cui si tengono alcune delle più famose parate per gli eventi nazionali: dal Martin Luther King Day che ha luogo il terzo lunedì di gennaio, alle celebrazioni per il 4 luglio, Festa dell’Indipendenza, che comprendono una delle sfilate più imponenti del Paese con gran finale di fuochi d’artificio. E poi ancora il National Cherry Blossom Festival che segna l’arrivo della primavera con spettacolari fioriture dei ciliegi (alberi che vennero donati a Washington DC da Tokyo). Vi suggerisco quindi di consultare la nostra guida su cosa vedere a Washington DC per raccogliere ulteriori spunti utili.

Voli, trasporti e noleggio auto a Washington DC

La città di Washington DC è servita da due aeroporti: l’Aeroporto Internazionale di Washington-Dulles e quello nazionale di Washington-Donald Reagan (servito direttamente anche dalla metropolitana), in cui atterrano voli provenienti dall’interno degli Stati Uniti. Ci sarebbe poi anche l’aeroporto di Baltimore, Baltimore – Washington International (BWI), che può essere anch’esso utilizzato per raggiungere la città (circa 50 minuti di macchina dal centro).  

Come per tutte le metropoli americane, anche presso gli aeroporti della Capitale si trovano le principali compagnie di autonoleggio che consentono di spostarsi in autonomia verso la città. È sempre consigliabile prenotare la propria vettura in anticipo, così da poterla ritirare più velocemente al momento dell’arrivo. Per saperne di più leggete la nostra guida al noleggio auto USA.

In alternativa, per arrivare in città usando i mezzi pubblici, si può scegliere di prendere la metropolitana o altri mezzi pubblici. Ovviamente, è anche possibile servirsi dei taxi, che sono la soluzione più veloce per raggiungere qualsiasi destinazione all’interno della città anche se ovviamente più costosa. Spostarsi all’interno della città con i mezzi pubblici (soprattutto con la metro) è molto comodo. A tal proposito, sia per i trasporti all’interno della città che per il collegamento con gli aeroporti, vi segnalo la nostra guida dedicata a come muoversi a Washington DC.

Hotel Washington DC: dove conviene dormire?

Per decidere al meglio dove pernottare nella città di Washington DC occorre considerare distanze, vicinanze a luoghi di interesse, preferenze su movida notturna e comodità di spostamenti tra una zona e l’altra. Si può optare per la centralissima Downtown, o scegliere i suggestivi quartieri di Dupont Circle e Georgetown, se si vuole mixare accoglienza di livello a opzioni per vivere la vita notturna, tra locali e ristoranti alla moda.

Altrimenti, per chi ama la quiete e vuole avere la maggior parte dei musei a portata di camminata, Capitol Hill (che però ha pochi alberghi) è un quartiere da tenere a mente. Qui si respira arte, storia e cultura, oltre ad un pizzico di potere, tenendo presente la sua vicinanza alla Casa Bianca e al Campidoglio, tra gli altri centri. Sappiate, però, che di notte l’area è piuttosto tranquilla: se amate tirare tardi, ma spostandovi a piedi, non è questo il quartiere che fa per voi. Per scegliere al meglio vi suggerisco di leggere con attenzione la nostra su dove dormire a Washington DC, con consigli mirati sulle diverse zone della città.

Cosa mangiare a Washington DC?

Come vi dicevo, Washington DC è sempre stata una città multi-etnica e ciò ha fatto sì che le tradizioni gastronomiche delle popolazione insediatesi qui abbiano concorso a renderne l’offerta culinaria ricca e variegata. Tra i piatti che non potete non ordinare ci sono l’avocado toast, meglio se farcito anche con lime e peperoncino piccante, il saganaki, piatto greco a base di formaggio Kefalograviera saltato in padella, il curry rosso di zucca con riso, servito nei ristoranti tailandesi. O ancora i mezzi rigatoni al ragù di carne di maiale, la zuppa Avgolemono, anch’essa di tradizione greca, a base di pollo al limone, uova e riso, e i granchi blu della Baia di Chesapeake con cui si prepara la crab cake e che si trovano anche come street food da giugno a settembre, sulle bancarelle lungo Maine Avenue.

Infine, non posso non menzionare la zuppa di fagioli del Senato Americano: questo piatto viene proposto nel ristorante del Senato, tutti i giorni, dal 1903. La leggenda racconta che due senatori degli Stati Uniti, Fred Dubois dell’Idaho e Knute Nelson del Minnesota, fecero richiesta di questa zuppa specifica (o forse addirittura ne fornirono la ricetta) e, da quel momento, il piatto divenne una tradizione immortale. Per prepararlo occorrono fagioli marini, acqua, zampone affumicato e cipolle. La versione di Dubois, inoltre, prevedeva l’aggiunta anche di purè di patate. Tra i dolci, non mancate di assaggiare il sandwich al gelato, i Doughnut alla Créme Brûlée e i cupcake.

Dove fare shopping a Washington DC?

Le zone migliori per fare del sano (e soddisfacente) shopping a Washington DC sono le seguenti. Georgetown, dove scovare interessanti librerie, negozi di dischi, panetterie-pasticcerie ricche di dolcezze buonissime, boutique di stilisti locali e internazionali, oltre a prestigiose gallerie d’arte. In Downtown, invece, troverete centri commerciali in grado di soddisfare proprio tutti. Per esempio, il CityCenter DC, con centinaia di negozi di stilisti famosi, e non, ristoranti, caffè e piacevoli spazi in cui rilassarsi e sorseggiare una bibita tra un acquisto e l’altro.

Sempre a Downtown si trovano altri negozi importanti come Macy’s, o indirizzi golosi, come Dolcezza, una delle gelaterie più famose della città. Consiglio vivamente di fare un giro a Dupont Circle a chi desidera portarsi a casa oggetti, abiti e gioielli di designer locali. Qui si trova, per citarne uno, lo stupefacente negozio di Proper Topper, specializzato in cappelli di tutte le fogge, misure, colori e stili possibili. Immancabile per gli appassionati di vintage è, poi, il Tiny Jewel Box, negozietto che vende gioielli esclusivamente d’epoca.

Qual è la zona migliore di Washington DC per la vita notturna?

La Capitale degli Stati Uniti non è solo musei, storia e cultura, ma una destinazione che ama stupire anche di notte. Tra le zone che vi consiglio per apprezzare appieno la movida notturna vi segnalo 14th Street NW & Logan Circle, dove troverete ristoranti, locali notturni e bar in cui tirare tardi, ma soprattutto adatti a tutte le tasche, ricavati all’interno di stupendi e storici edifici cittadini. Qualche esempio? ChurchKey è perfetto per chi ama la birra e vorrebbe assaggiarne sempre di nuove; El Centro, invece, serve la miglior tequila e i margarita più apprezzati della città, mentre Masa 14 è rinomato per le specialità latine e per la sua terrazza panoramica.

Dupont Circle, invece, è rinomato per i suoi locali trendy e cosmopoliti, oltre che per la sua attitudine arcobaleno. Tra gli indirizzi che non dovete perdervi vi segnalo il Front Page, locale in stile americano, oltre che ristorante, sempre molto affollato. O ancora l’Irish Whiskey Public House, pub in stile irlandese, e il 18th Street Lounge (club e lounge).

Agli amanti della musica dal vivo, poi, consiglio l’U Street che, soprattutto nei weekend, garantisce divertimento per tutta la notte. Tra i luoghi più belli ci sono due bar panoramici, Marvin e Local 16, il locale in stile caraibico Patty Patty Boom Boom e il bar The Gibson che serve superbi cocktail.

Sicurezza a Washington DC e quartieri da evitare

Washington DC è, generalmente, una città molto sicura, soprattutto di giorno e nelle aree normalmente frequentate dai turisti. Come sempre, deve dunque prevalere il buonsenso: non andare in giro con troppo denaro contante, non esibire eccessivamente oro e preziosi, non cercare brividi inutili andando ad esplorare zone che non sono né turistiche né ben frequentate. Come per tutte le grandi città, i problemi principali possono sorgere al calare del sole. Qui i quartieri da evitare.

Brentwood è uno dei quartieri in cui viene commesso il maggior numero di furti, evitate dunque di andarci la sera (e di parcheggiarci l’auto, se ne avete noleggiata una). La zona di Stadium Armory, poi, è sconsigliata sia per gli scippi, piuttosto frequenti, che per i crimini alla persona (le donne non dovrebbero avventurarcisi da sole, anche perché non c’è nulla da vedere); Anacostia è uno dei quartieri più pericolosi di tutta Washington DC: abitata da popolazione indigente, vi si commettono numerosi crimini e il tasso di criminalità è parecchio alto. Di giorno vi si può passeggiare, purché in gruppo, mentre di notte è sconsigliato andarci.

Stesso discorso per Deanwood, che in più è ricettacolo di gang, sparatorie e spacciatori. Altro quartiere da evitare nelle ore notturne è Columbia Heights, abitato prevalentemente da popolazione indigente, in cui vengono commessi crimini come aggressioni, rapine, spaccio di droga, sparatorie e scontri tra gang. Di giorno, tuttavia, è una zona piacevole e sicura da esplorare, sia a piedi, che in bici. La zona di Shaw, inoltre, è tristemente nota per i crimini violenti. Andandoci di giorno, è meglio portare con sé carte di credito piuttosto che contanti, mentre la notte è da bollino rosso.

A sud est di Washington DC si trova la Prince George County, la contea a maggioranza afroamericana più grande degli Stati Uniti. Tale contea, di cui la già citata Brentwood fa parte, ha il poco invidiabile record di omicidi fra le contee dello stato del Maryland. Bisogna tuttavia tenere di conto che si tratta di una contea molto estesa e variegata al suo interno; qui si trovano infatti anche l’Università del Maryland e alcuni interessanti posti da visitare come Fort Washington Park e Greenbelt Park. Le zone più pericolose sono, come spesso capita, lontane da quelle turistiche ed è piuttosto difficile capitarci seguendo gli itinerari soliti.  

Washington DC… da dove cominciare?

Washington DC Trip Planner

4-luglio-Washington-DC

4 luglio a Washington DC: pronti alla parata?

Non c’è città più indicata per festeggiare il 4 luglio che Washington DC. L’Independence Day, il giorno che segnò l’affrancamento dal dominio inglese grazie alla stesura nel 1776 della Dichiarazione d’Indipendenza, acquista…

Consigli culinari

Scorri a destra o a sinistra per vedere tutti gli articoli

Come visitare le singole attrazioni

Cimitero di Arlington

Cimitero di Arlington: visita al simbolo del patriottismo americano

Quando si parla del Cimitero di Arlington non ci si riferisce di certo a un cimitero qualunque, bensì a un simbolo, che rappresenta a tutti gli effetti il luogo sacro per eccellenza del patriottismo americano.Il cimitero si presenta come una vasta e suggestiva distesa di lapidi bianche, immortalata in molti film americani, che si estende sulla sponda opposta del Potomac…

White House Washington Come Visitare

Casa bianca Washington: dove si trova e come visitare la White House

La residenza del Presidente degli Stati Uniti è forse il simbolo del potere politico più importante e riconoscibile del mondo. Insieme al Campidoglio è una delle attrazioni di maggior importanza storica, non solo per quanto riguarda Washington D.C. ma degli Stati Uniti in generale. Andiamo quindi alla scoperta della sua storia, delle attrazioni nelle vicinanze, dei punti migliori in cui rifocillarsi…

Campidoglio USA di Washington: visita al simbolo di Capitol Hill

È il palazzo in cui si riuniscono i due rami del Congresso degli Stati Uniti, nello specifico la Camera dei Rappresentanti e il Senato. L’imponente edificio costruito in stile neoclassico svetta sul versante orientale del National Mall (Capitol Hill) e, oltre ad essere uno dei pochi edifici governativi visitabili, offre una splendida visione d’insieme su tutta l’area circostante. Questo edificio non…

Lincoln memorial

Lincoln Memorial Washington: come visitare la statua del famoso presidente

Washington è la città simbolo del potere politico americano, e a noi piace accompagnarvi nei suoi luoghi più significativi. Oggi vogliamo parlarvi di una delle mete più ambite tra quelle che si possono visitare nella vasta area verde del National Mall, nel cuore della downtown di Washington: il Lincoln Memorial, famoso per essere il “palcoscenico” dal quale Martin Luther King ha…

Washington Monument Cosa Vedere

Washington Monument: visita all’obelisco della capitale americana

Il Washington Monument è uno dei luoghi di interesse più fotografati della capitale americana, oltre che per la sua imponenza, anche per il fatto che è la costruzione più alta di tutta la città. Impossibile quindi non notare l’obelisco dedicato al padre fondatore degli Stati Uniti da qualunque punto vi troviate. Con i suoi 169 metri di altezza il Washington Monument svetta…

Jefferson Memorial Washington

Jefferson Memorial: guida al mausoleo del Padre Fondatore degli States

Thomas Jefferson, terzo Presidente degli Stati Uniti, autore e firmatario della Dichiarazione d’Indipendenza, è uno degli statisti più rilevanti della storia americana. A sottolineare la sua statura politica non è soltanto il mausoleo che si trova a Washington DC, ma ricordiamo che il suo volto è stato scolpito sul Monte Rushmore insieme a quello di George Washington, Abraham Lincoln e…

Washington musei

I 6 musei gratuiti da non perdere a Washington DC

Il bello di Washington D.C., soprattutto per gli amanti della storia e dell’arte, è la varietà di musei disponibili a pochi metri di distanza l’uno dall’altro. Una volta raggiunto il National Mall, un ampio parco lungo 3 chilometri, basta scegliere i musei che preferite senza fare spostamenti con i mezzi. Oltre alla comodità, sarà anche un sollievo per il portafogli:…

georgetown-washington

Georgetown: alla scoperta del quartiere storico di Washington DC

Spesso, quando si pensa a Washington, si pensa soprattutto ai musei, ai monumenti, ai memoriali e agli edifici simbolici che sorgono in zona National Mall, ma la capitale degli Stati Uniti ha molto di più da offrire. Oggi esploriamo un quartiere, Georgetown, che affascinerà soprattutto il turista alla ricerca dell’attrazione caratteristica: stradine con pittoresche case colorate, vicoli pieni di storia, marciapiedi…

Pentagono Washington

Pentagono di Washington: come visitare l’edificio e il memorial

Il Pentagono, oltre ad essere l’edificio pubblico più grande del mondo, è sicuramente insieme alla Casa Bianca e alla Statua della Libertà uno dei simboli per eccellenza degli Stati Uniti. Nonostante sia un luogo di massima sicurezza è comunque possibile visitarlo a determinate condizioni. Gli eventi tragici che qui avvennero nella mattina dell’11 settembre del 2001 lo hanno reso anche…

Annalisa
Annalisa Costantino

Annalisa, giornalista e blogger, è mamma di due gemelle, lettrice appassionata e fervente sostenitrice del forest bathing. Dopo aver visitato tutti i continenti, si dice pronta a ricominciare daccapo.

AMERICAN DREAM ROUTES